Bonomi: “Io presidente di Lega? Si ma serve unità! Cosa tifo? Inter”

0 cuori rossoneri

Per il futuro presidente della Lega Serie A, il nome più caldo è quello di Carlo Bonomi: di seguito riportiamo tutte le sue parole al Corriere dello Sport di questa mattina.

“Sul mio nome ho chiesto ampia convergenza. Deve essere chiaro a tutti che è così. Altrimenti, ognuno resta a casa sua. Se i segnali di ostilità sarà più di qualcuno, la mia disponibilità cessa all’istante. Confindustria viene prima. C’è chi vuole gestire il calcio come un feudo personale, e chi lo vuole portare nel futuro. Bisogna imparare dallo sport professionistico per eccellenza, quello americano: anche tra i proprietari dei club dell’NBA c’è una dialettica talvolta aspra, ma poi si converge sempre su un obiettivo comune. Qui invece vince l’interesse più miope, più breve e più parziale. Guardate quello che è accaduto sui diritti tv. Si è preferito rinunciare a espandere i ricavi, pur di mantenere il controllo sul sistema. Le altre leghe sono cresciute, noi siamo rimasti fermi. La Premier fa affari d’oro con i diritti tv esteri, noi prendiamo gli spiccioli su YouTube. Perché non gestiamo bene i rapporti internazionali. La vera sfida non è tra big e piccoli, ma tra chi vuole un calcio migliore e chi invece lo vuole così com’è. A questi ultimi capisco che la mia indipendenza dia fastidio”.

Sul suo rapporto con Confindustria
“Se qualcuno teme che mi distragga vuol dire che sto facendo bene il mio lavoro. Ma non avverrà. Quanto al rischio di conflitti di interesse, parlano il mio impegno e la mia etica, ben noti a tutti. Aggiungo che, delle venti squadre di serie A, dieci sono già iscritte. È un pezzo di mondo presente nel nostro sistema, che adesso chiede di farne parte in maniera più organica. È naturale che accada.”

-Leggi QUI anche “Cassano: a Salerno un Milan fortunato! Un giocatore non è più lo stesso…”-

Sul sistema calcio.
“Sono sicuro che ciò che ho fatto in Confindustria sia replicabile. Si può fare anche nel calcio con una gestione seria, indipendente rispetto ai conflitti dei club. Ristori? Un sostegno alla transizione del calcio verso la sostenibilità è concepibile solo in cambio di un impegno chiaro, serio e pluriennale per una gestione manageriale capace di far crescere i ricavi e contenere le spese. In piena collaborazione con le istituzioni, dello Sport e del Paese. La mia disponibilità è solo a questo fine.”

Sull’interesse degli USA verso la Serie A
“È la prova che il mercato è attrattivo. Ci credono anche i grandi fondi, perché il calcio è un settore che ha margini di miglioramento. Comprano a cifre basse rispetto al potenziale del mercato, e quindi intravedono una grande prospettiva. Poi si scontrano con la realtà del sistema sportivo e di quello amministrativo nazionale. Vengono con l’idea di fare uno stadio in pochi anni, e sbattono contro la burocrazia. I casi di Firenze, Roma e Milano parlano da sé”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Sulla Superlega.
“È l’esigenza di crescere. Se il calcio resta un mercato fermo, è ovvio che i più attivi cerchino mercati alternativi. È una legge economica elementare. Nessuno, neanche i club che hanno aderito alla Superlega, volevano smontare il calcio. Le due dimensioni, nazionale e sovranazionale, devono essere conciliabili. Ma un campionato sovranazionale va sempre collegato al merito sportivo. Su questa certezza non si transige. Lo spirito dell’industria calcistica è il sogno. Anche il Leicester o il Cagliari devono poter vincere il titolo.”

Sulla possibilità dei playoff.
“Gli sport americani sono tutti basati sui playoff. Chi sta davanti in campionato gioca in casa nella fase finale, ma rischia fino all’ultimo secondo. Queste riforme si possono e si devono fare insieme. Senza strappi e contrapposizioni, perseguendo un interesse comune. Anche perché, se la torta non cresce, non ci sono neanche le risorse per il sostegno ai club minori e ai vivai. Se si vuole fare, bene. Se no, lo ripeto: non sono disponibile e non antepongo certo un compito impossibile al mio primo dovere, che è e resta Confindustria. Se tifo per qualcuno? Per l’Inter. Chiunque tifa per una squadra. Se non lo fa, non ama il calcio. L’indipendenza è un’altra cosa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live