Ancelotti

Ancelotti: “Ecco quando smetto, ho deciso! Al Milan dico di…”

0 cuori rossoneri

Intervistato dal Messaggero, Carlo Ancelotti ha parlato di Liga, Serie A e della fine della sua grandissima carriera da allenatore.

Ancelotti, c’è un problema di contabilità: considerando l’Intertoto, ha raggiunto la quota personale di 24 trofei, senza siamo a 23. In ogni caso, abbiamo una certezza: con il 2-0 sull’Eintracht nella Supercoppa europea, 4 titoli da gennaio a oggi.
«Posso dirlo? Non mi appassionano questi conteggi. Lo farò a fine carriera, quando avrà un sen[1]so tracciare un bilancio del proprio lavoro. Ora sono sul pezzo: allenamento, preparazione delle partite, riunioni con lo staff, appunti e riflessioni. Mi piace l’impegno quotidiano».

La molla è sempre la passione?
«Sì, anche se il tempo ha cambiato alcune dinamiche. Fino a qualche anno fa, le priorità erano tecnico-tattiche. Ora, sono conquistato dalle relazioni umane, dalla conoscenza delle persone, dal confronto con le nuove generazioni».

Il The End alla panchina?
«Questa tappa al Real concluderà la mia carriera. Dopo i Blancos, smetto».

Chiusura alla grande.
«Il Real è il top del calcio. Ha un senso mettere la parola fine dopo questa esperienza».

Il Real ha regalato a Helsinki momenti di grande calcio: dove collochiamo questa squadra nei suoi 27 anni di gestione dei club?
«Se parliamo di trofei, le due squadre alle quali sono più legato sono il Real e il Milan. Se entriamo nello specifico di questo Real, siamo a livelli molto alti, non solo sul piano tecnico. Questa è una squadra seria, con giocatori umili: anche le star hanno i piedi a terra. Il gruppo è sano, gestito bene dai più esperti: Modric, Casemiro, Benzema. La qualità è indiscutibile: elevatissima. Da sola però non basterebbe a garantire risultati e trofei: è fondamentale la componente umana. E questo Real è davvero un unicum».

Eccoci alla serie A: la griglia di partenza?
«Le solite tre in pole position, magari con equilibri diversi. Il Milan ha preso un talento interessante come De Ketelaere e prosegue sulla linea tracciata da Maldini, ovvero i giovani: Tonali e Leao sono state grandi intuizioni. L’Inter ha il motore potente ed è tornato Lukaku. La Juventus sta ancora lavorando sul mercato, ma già l’arrivo di Di Maria è un’operazione intelligente: campione integro, di qualità e di esperienza. Occhio poi alla Roma. Si è rinforzata molto. Dybala, Wijnaldum e Matic sono colpi importanti. Spinazzola e Zaniolo sono usciti dall’ombra degli infortuni. La Roma può giocarsela con le altre, sebbene con i nuovi acquisti ci siano sempre le incognite legate ai tempi dell’inserimento».

Nella biografia di Mourinho, la seconda stagione alla guida di un club coincide spesso con i grandi successi.
«Mourinho è entrato molto bene nella storia della Roma. Ci sentiamo spesso, ci mandiamo messaggi. La Roma aveva bisogno di un allenatore come lui e lui aveva bisogno dell’affetto di una piazza come quella romana. Un matrimonio perfetto. Aggiungerei una considerazione: la società che sta gestendo la Roma mi pare estremamente seria. Hanno le idee chiare».

Alle spalle di queste quattro?
«La Lazio ha cambiato molto. In generale, attenderei la fine del mercato per le valutazioni: alcune operazioni potrebbero incidere sulle gerarchie attuali. Ci sono poi novità assolute come il Monza: sarà un bel campionato».

La serie A continua a puntare sull’usato sicuro: per i giovani poca fiducia e possibilità limitate.
«Io non credo a questa storia. Sono convinto che i giovani bravi alla fine trovino sempre spazio. Mi riesce difficile pensare a pregiudizi di base».

Come inciderà il mondiale nella stagione europea?
«Fino a novembre, non prevedo problemi. Il calendario è compresso, la Champions chiuderà la fase a gironi a novembre. Il dopo-mondiale è il vero punto interrogativo. L’interrogativo principale non sarà la preparazione da rifare, ma l’aspetto mentale. Di solito, dopo un torneo di questo livello i giocatori vanno in vacanza, ma stavolta dovranno rientrare alla base e rimettersi al lavoro. In pratica, non staccheranno la spina ed è questo il vero quesito: quale sarà la loro tenuta fisica e mentale quando i campionati ripartiranno?»

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Ancelotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live