Albertini: “Un gol sabato consacrerebbe Leao, i derby ti cambiano la carriera”

0 cuori rossoneri

L’ex regista Demetrio Albertini, che ha vinto tutto in rossonero, ha parlato alla Gazzetta dello Sport in clima derby.

“Senso di appartenenza, generosità per i compagni e rispetto per i colori indossati sono l’essenza di questa partita, le componenti che ti permettono di affrontarla con l’equilibrio giusto. In campo poi devono deflagrare, è così che nascono i successi”

Facile a dirsi per uno che è cresciuto a Milanello e che ha giocato accanti agli stessi campioni per una vita.
“Ma un blocco vincente si costruisce nel tempo. Pioli allena un gruppo che ha compiuto un percorso di crescita ormai lungo. I giocatori hanno sposato il progetto della società e si vede.”

Massaro era uno spacca-derby. Quello di Pioli chi sarà?
“Leao. E’ imprevedibile ed è sempre più consapevole delle proprie qualità, gli manca un gol in una partita così. Segnare all’Inter lo consacrerebbe, i derby ti cambiano la carriera.”

– Guarda Inter-Milan live e in esclusiva su DAZN

Chi sarà il più lucido sabato?
“Kessié, glaciale come pochi.”

Questo Milan deve pensare alla vetta o alla zona Champions?
“Il risultato di sabato segnerà la stagione. E’ l’ultima chiamata per lo scudetto, se c’è una possibilità per riaprire il discorso è questa.”

Tonali-Bennacer bassi e Kessié sulla linea dei trequartisti a schermare Brozovic: può essere una soluzione per far male?
“In mezzo sanno palleggiare, da entrambe le parti. Vedere un Milan disposto così non mi dispiacerebbe. Kessié sa muoversi tra linee e in pressione su Brozovic può alternarsi con Tonali, che sa fare tutto. Sandro è un altro giocatore rispetto all’anno scorso: si è scrollato di dosso la timidezza del giovane ed è diventato un calciatore di consistenza.”

– Leggi QUI anche “Derby -5: Ibra in dubbio, si deciderà solo alla vigilia?” –

La sfida si deciderà in mezzo?
“Decide chi fa gol. Se Ibra sta bene farà paura come sempre. Ma se sta lontano dalla porta perde efficacia, e in questi mesi oggettivamente è successo spesso…”

Se Zlatan non sfonda meglio Giroud o Rebic?
“Rebic lo vedo più in appoggio a un centravanti.”

Gosens-Caicedo di là, Lazetic di qua: sul mercato è finita 2-1 per l’Inter. E sabato?
“Stesso risultato, ma per il Milan.”

Demetrio Albertini

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live