Abbiati: “Maignan-Donnarumma? Non so se ci ha guadagnato il Milan”

0 cuori rossoneri

Intervistato da Sportweek, l’ex portiere rossonero Christian Abbiati ha elogiato Mike Maignan e la scelta del Milan di puntare su di lui.

Sull’impatto che ha avuto nel Milan
“Sarò sincero: non lo avevo mai visto giocare. Quando è arrivato sono andato a curiosare su YouTube ma dopo l’ho visto dal vivo contro la Juve e nel derby di ritorno”.

Sulle sue caratteristiche tecniche
“Mi piace molto per la sua sicurezza e personalità che mostra non solo tra i pali ma in tutta l’area di rigore. Partecipa al gioco di squadra, raramente butta via il pallone e si muove in armonia con i difensori. Mi colpisce la sua grande agilità: la parata sul colpo di testa di Cabral contro la Fiorentina o quella su Hernani del Genoa sempre a San Siro sono due manifesti che illustrano in maniera esemplare questa sua caratteristica. I suoi riflessi e i tempi di reazione ridottissimi, oltre che l’elasticità muscolare, gli permettono di recuperare la posizione quando parte da un piazzamento non perfetto”.

Leggi QUI anche “L’ex bomber attacca: lotta scudetto falsata!”

Sul suo carattere e sul guidare la squadra
“A 26 anni, comunque, ha ancora margini di miglioramento. Perfetto per il Milan di Pioli per la sua capacità di giocare con i piedi, indifferentemente di destro o sinistro. Dida e Ragno mi hanno detto che a Mike piace lavorare tanto, ha una mentalità da Milan. E come ho sempre detto, quel che conta non è arrivare al Milan, ma rimanerci”.

Su Donnarumma
“Non so se ci ha guadagnato il Milan. Gigio l’ho visto da vicino a Milanello e posso dire che era molto difficile fargli gol anche in allenamento. E’ molto forte davvero. Io però non me ne sarei andato perché Milano è la mia città ed ero già in una grande squadra. Forse aveva fretta di vincere, e c’è riuscito, anche se l’obiettivo principale del PSG era un altro”.

Sul confrontro tra Mike e Donnarumma
“Il francese è più forte coi piedi e nel giocare insieme ai compagni, che si fidano e affidano moltissimo a lui per impostare l’azione. A Gigio ho dato 7 nel gioco coi piedi perché ho voluto fare il bravo. In questa stagione ci si ricorda dell’errore nel controllo del pallone che è costato il primo gol di Benzema in Champions. Maignan mi sembra anche più sicuro e reattivo nelle uscite alte. Ma, ripeto, a Donnarumma è difficile fare gol: ha un eccezionale senso della posizione e copre benissimo la porta”.

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live