menu Home chevron_right
Interviste

Calabria al Corriere dello Sport: “Avere la fascia non mi cambia la vita ma ne sarei orgoglioso”

Davide Giovanzana | 29 Luglio 2021
Calabria

Calabria – In una lunga intervista al Corriere dello Sport di questa mattina, Davide Calabria parla a cuore aperto di Nazionale, addii, nuovi arrivi e ambizioni da capitano.

Calabria, iniziamo dalle sue condizioni di salute
Mi sento bene, e ieri (martedì 28 luglio, ndr) sono rientrato in gruppo.

Ha pensato che se avesse rimandato l’operazione, ora forse sarebbe campione d’Europa?
Non ho rimpianti, sono contento che l’Italia abbia vinto l’Europeo. La scelta di operarmi l’ho presa insieme a Pioli e non credo che sarei stato convocato: Mancini non mi aveva telefonato né inserito tra i pre convocati. Visto com’è andata, giusto così.

Alla Nazionale però non ha smesso di pensare
Assolutamente. Nel 2022 c’è il Mondiale e spero di esserci. Mancini mi ha convocato, ma non l’ho conosciuto perché aveva il Covid. Su di me ha speso belle parole, che ho apprezzato molto. Darò il massimo per riconquistare la maglia azzurra, che è un mio obiettivo. Posso rientrare nel giro, dipenderà solo dal mio rendimento.

In tv ha visto festeggiare Donnarumma, miglior giocatore dell’Europeo. L’ha stupita l’addio di Gigio al Milan?
Restiamo amici, anche se le nostre carriere hanno preso due strade diverse. In questa vicenda ci sono che non sappiamo: ognuno ha fatto le sue scelte e ha le sue responsabilità. Se è stato giusto per la sua carriera andare al PSG lo vedremo.

Le scelte di Donnarumma le ha capite o lui gliele ha spiegate?
Quando prendi una decisione del genere è perché credi che sia il meglio per il tuo percorso di crescita. E’ una scelta rispettabile. Ognuno vuole il meglio per sé stesso e se lui lo avrà, sarò contento. Certo, mi dispiace non vederlo più a Milanello.

Una società che perde forse il miglior portiere al mondo, può ambire allo scudetto secondo Davide Calabria?
Il club ha fatto le sue scelte e certe domande è più giusto rivolgerle ai dirigenti. Quando un calciatore va in scadenza, può succedere che non rinnovi. Il Milan, però, ha sostituito Donnarumma con un portiere del calibro di Maignan, che ha vinto il campionato francese. Speriamo a fine stagione di essere tutti contenti.

Anche Calhanoglu non ha rinnovato e ha addirittura firmato per l’Inter…
Anche in questo caso, non so le dinamiche della trattativa e non mi piace commentare le scelte degli altri. Se lo riteneva giusto, ha fatto bene ad andare all’Inter. Gli auguro il meglio e sarò contento di rivederlo al derby, ma state certi che darò tutto per batterlo.

Con il rinnovo di Kessie finirà in maniera diversa?
Con Franck ho un bellissimo rapporto e mi auguro che trovi un accordo per il prolungamento. Eravamo entrambi in scadenza nel 2022: io ho sistemato tutto in fretta e ora tocca a lui. Kessie è fondamentale per la squadra e il Milan è uno dei club più importanti al mondo, mi auguro di averlo ancora come compagno.

Lei dice che il Milan è uno dei club più importanti al mondo. Allora perché Donnarumma non è rimasto?
Forse perché è andato in un altro top club come il PSG. Loro sono più avanti come livello perché giocano in Champions da diverse stagioni e lottano per vincerla. Noi invece ci torniamo quest’anno e l’obiettivo è riportare la società ai livelli che le competono visto il suo passato.

Il Milan di oggi è più o meno forte di quello del 2020-2021?
Difficile dirlo: complici le vacanze e gli infortuni non ci siamo ancora ritrovati tutti insieme. E poi il calciomercato è aperto…

I nuovi acquisti che impressione le hanno fatto?
Sembrano vogliosi e con talenti. Giroud non lo scopro io: è un campione che ha vinto tanto. Maignan vuole lavorare e dimostrare che può essere protagonista anche in Italia.

Il Milan e l’Atalanta sono le uniche delle “sette sorelle” a non aver cambiato tecnico. Può essere un vantaggio?
Noi conosciamo Pioli e quello che ci chiede. Adesso dovranno adattarsi i nuovi, ma abbiamo una base di partenza importante. Guardando le altre, sono arrivati allenatori internazionali di alto livello e questo è un bene per il campionato. Il livello della SerieA si sta alzando di nuovo e mi aspetto ancora più equilibrio.

Tra i cambi in panchina, quale l’ha sorpreso di più?
Un po’ tutti, ma l’addio di Conte non me l’aspettavo proprio. E forse non se lo aspettavano neppure all’Inter. Al suo posto è comunque arrivato un tecnico altrettanto bravo che con la Lazio ha sempre ottenuto ottimi piazzamenti. Su Allegri tornato alla Juventus non devo dire niente visto il suo passato in bianconero. Sarri alla Lazio e Spalletti al Napoli sono due garanzie perché conoscono la A. Mourinho è l’altra grande sorpresa a livello personale perché la Roma non sembrava indirizzata su un profilo come il suo. Sono curioso di rivederlo in Italia.

Chi è la favorita per lo scudetto secondo Davide Calabria?
L’Inter è un passo avanti a tutte perché è campione e dunque è la favorita d’obbligo. Subito dietro metto la Juventus di Allegri che, come organico e monte ingaggi, non teme confronti.

Il Milan lo colloca al terzo posto o le piace nascondersi?
Noi dobbiamo cercare di fare il meglio possibile. Lo scorso anno siamo arrivati secondi e nessuno pensava che avremmo potuto raggiungere quel risultato perché i favoriti per il titolo erano le formazioni arrivate tra le prime quattro la stagione precedente. Se adesso nessuno crederà in noi, tanto meglio. L’obiettivo è continuare a migliorare.

Avverte scetticismo nei confronti del Milan, nonostante sia l’unico attivo sul mercato?
Non mi interessa molto. La squadra deve portare avanti un processo di crescita e quest’anno ci aspetta un nuovo step visto che giocheremo in Champions e avremo altre gare di grandissimo livello. Come andrà il campionato lo determineranno anche gli infortuni e tanti altri fattori impossibili da prevedere.

I vostri detrattori sostengono che il Milan ha tratto vantaggio dal giocare in un San Siro deserto. Cosa risponde?
Che è una bella scusa perché tutti avevano lo stadio vuoto. Il calcio con o senza la gente sugli spalti è un altro sport, ma eravamo tutti nelle stesse condizioni. Perché solo noi siamo stati favoriti? Spero che con il Green Pass gli spalti si riempiano come prima.

Se Ibrahimovic avesse giocato tutte le 38 gare della scorsa stagione, non solo la metà, l’Inter avrebbe comunque vinto lo scudetto oppure…
Non lo so, ma fino a quando lo abbiamo avuto, siamo stati davanti noi. Ibra è un fuoriclasse e mi auguro che torni il prima possibile perché ha avuto un infortunio non piacevole. Quando si è fatto male, a novembre, per un po’ abbiamo tenuto duro, ma alla lunga ci è mancato. Se avesse giocato sempre, avremmo di sicuro conquistato più punti perché per i difensori non è facile affrontarlo. Quando non c’era, abbiamo dovuto cambiare qualcosa.

Romagnoli resta il capitano, ma con Kjaer e Tomori titolari, Calabria un pensierino alla fascia lo fa?
Nella rosa sono quello che indossa la maglia rossonera da più stagioni. Quello della fascia, però, sarà un dibattito al nostro interno. Pioli sa ciò che penso e io so cosa pensa lui. Non mi cambia la vita avere al braccio un pezzo di stoffa, ma non nascondo che essere capitano del Milan mi renderebbe orgoglioso.

photocredits acmilan.com

Scritto da Davide Giovanzana

Commenti

Commenta per primo questo post.

Lascia un commento



  • Riascolta gli ultimi episodi
    • coverplay_circle_filled

      23-09-2021 Lunch Press (in coll. Massimo Ambrosini)
      Edoardo Maturo

    • coverplay_circle_filled

      23-09-2021 Chiama Milan (in coll. Sonia Maniscalco) - Podcast Twitch del 22 Settembre
      Edoardo Maturo, Enrico Boiani

    • coverplay_circle_filled

      22-09-2021 Il Post Partita (MILAN-VENEZIA)
      Simone Cristao

    • coverplay_circle_filled

      22-09-2021 Il Pre Partita (MILAN-VENEZIA)
      Edoardo Maturo

    • coverplay_circle_filled

      22-09-2021 Serie A Show JUVE-MILAN, I PRIMI BILANCI DELLA SERIEA E TANTI MEME podcast del 21 Settembre
      Emanuele Frigerio, Leonardo Menini




  • cover play_circle_filled

    01. 23-09-2021 Lunch Press (in coll. Massimo Ambrosini)
    Edoardo Maturo

  • cover play_circle_filled

    02. 23-09-2021 Chiama Milan (in coll. Sonia Maniscalco) - Podcast Twitch del 22 Settembre
    Edoardo Maturo, Enrico Boiani

  • cover play_circle_filled

    03. 22-09-2021 Il Post Partita (MILAN-VENEZIA)
    Simone Cristao

  • cover play_circle_filled

    04. 22-09-2021 Il Pre Partita (MILAN-VENEZIA)
    Edoardo Maturo

  • cover play_circle_filled

    05. 22-09-2021 Serie A Show JUVE-MILAN, I PRIMI BILANCI DELLA SERIEA E TANTI MEME podcast del 21 Settembre
    Emanuele Frigerio, Leonardo Menini

  • cover play_circle_filled

    06. 22-09-2021 Radio Rossonera Talk (in coll. Marco Pasotto)
    Simone Cristao

  • cover play_circle_filled

    07. 22-09-2021 Lunch Press (in coll. Gene Gnocchi)
    Edoardo Maturo

  • cover play_circle_filled

    08. 22-09-2021 Chiama Milan (in coll. Alessandra Pesaresi e Nirkiop) - Podcast Twitch del 21 Settembre
    Edoardo Maturo, Enrico Boiani

  • cover play_circle_filled

    09. 21-09-2021 Doppio Passo - Podcast Twitch del 20 Settembre
    Simone Cristao

  • cover play_circle_filled

    10. 21-09-2021 Radio Rossonera Talk (in coll. Xavier Jacobelli e Paolo Poggi)
    Simone Cristao

  • cover play_circle_filled

    11. 21-09-2021 Lunch Press (in coll. Daniele Triolo)
    Edoardo Maturo

  • cover play_circle_filled

    12. 21-09-2021 Chiama Milan (in coll. Maria Pia Angelino) - Podcast Twitch del 20 Settembre
    Edoardo Maturo, Enrico Boiani

  • cover play_circle_filled

    13. 20-09-2021 La Stanza di Bottoni (JUVE-MILAN)
    Simone Cristao

  • cover play_circle_filled

    14. 20-09-2021 Radio Rossonera Talk (in coll. Tommaso Turci Giuseppe Pastore)
    Simone Cristao

  • cover play_circle_filled

    15. 20-09-2021 Lunch Press (in coll. Andrea Scanzi)
    Edoardo Maturo

  • cover play_circle_filled

    16. 19-09-2021 Il Post Partita (JUVENTUS-MILAN)
    Simone Cristao

  • cover play_circle_filled

    17. 19-09-2021 Il Pre Partita (JUVENTUS-MILAN)
    Edoardo Maturo

  • cover play_circle_filled

    18. 18-09-2021 Chiama Milan - Podcast Twitch del 17 Settembre
    Edoardo Maturo, Enrico Boiani

  • cover play_circle_filled

    19. 17-09-2021 Champions League Show - L'analisi di #Liverpool Milan e gli altri big match della prima giornata
    Emanuele Frigerio, Leonardo Menini

  • cover play_circle_filled

    20. 17_-09-2021 - Dodicesimo Uomo
    Pierangelo Rigattieri

play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play