Champions League, si cambia musica: “Chi sa l’inno si accorgerà”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Modifiche all’inno della Champions League: non solo il regolamento e il format, la maggior competizione europea per club cambia la propria musica

Una curiosa novità che riguarda ancora una volta il nuovo formato della Champions League: non solo il sistema delle fasce e la modalità classifica complessiva più tabellone tennistico, una piccola particolarità accessoria riguarda l’inno. La canzone che accompagnerà il Milan e le altre 35 squadre all’edizione 2024/2025 cambierà leggermente rispetto alla versione classica.

Si cambia musica (letteralmente)

Lo comunica il vice segretario dell’UEFA Giorgio Marchetti, che è intervenuto al Festival della Serie A a Parma. Lì ha parlato così: “Non cambieremo l’inno, però il maestro ha fatto qualche piccolo riarrangiamento. Chi conosce la musica si accorgerà dei cambiamenti. Un orecchio un po’ accorto lo percepirà, però l’inno è quello…”.

Attualmente, tradotto in italiano dalle 3 lingue da cui è composto (inglese, francese e tedesco), il testo recita:

“Queste sono le migliori squadre, l’evento principale, i campioni, i migliori, le grandi squadre, i campioni. Un grande incontro, un grande evento sportivo, l’evento principale, loro sono i migliori, loro sono i migliori. Questi sono i campioni, i campioni, i migliori, le grandi squadre, i campioni, i campioni, i migliori, le grandi squadre, i campioni (the Champions!).

Ultime news

Notizie correlate