Ordine: “Il Milan è malato, e ora si sente pure accerchiato…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Ancora una volta, il Milan è alle prese con una spinosa situazione infortuni: il commento di Franco Ordine

In un editoriale sulle colonne de Il Giornale, Franco Ordine ha commentato la situazione infortuni in casa Milan, una situazione di emergenza che ha portato Stefano Pioli a causa delle assenze di Theo Hernandez e Calabria a schierare una difesa a 3 contro il Verona a San Siro. Oltre al lungodegente Bennacer e a Pierre Kalulu, dopo il match contro gli scaligeri alla lista degli infortunati si è aggiunto anche Rade Krunic, l’unico giocatore che fino al momento del cambio per Ruben Loftus-Cheek aveva giocato tutti i minuti a disposizione. Di seguito, le parole di Franco Ordine sulla questione infortuni e sugli impegni ravvicinati del Milan.

Franco Ordine sul Milan e sulla situazione infortuni

Franco Ordine affronta così la situazione infortuni in casa Milan: “Dalla sera del derby, il quinto della serie, perso in modo brutale, Stefano Pioli è un po’ diverso dallo Stefano Pioli conosciuto e ammirato nei mesi precedenti, persino nelle curve più insidiose, del suo iniziale cammino milanista. La conferma è arrivata puntuale dalla sua gelida analisi seguita alla prova, non certo esaltante, con il Verona che il tecnico ha liquidato con una frase che dev’essere letta e spiegata. Ha dettato Pioli: «Si esagera con la negatività che c’è intorno ai miei giocatori». A cosa si riferisce? Probabilmente al processo di web e media intentato nei confronti di Leao dopo un paio di gol mancati con il Newcastle in Champions. Sicuramente è anche riferita agli allarmi suonati sui social dopo l’infortunio toccato a Krunic a pochi minuti dal gong oltre alle assenze di Maignan, Calabria e Theo Hernandez, tutte insieme nella stessa partita. Se Pioli sente un clima da accerchiamento la responsabilità – o il merito – è anche delle aspettative accreditate al Milan dopo il sontuoso mercato, valorizzate dalle prime tre sfide che hanno lasciato prevedere una cavalcata successiva. E invece il calcio è capace di regalare giudizi immediati che non corrispondono esattamente alla realtà”.’

SCONTRO IN DIRETTA TV, ORDINE: “INTER, CALENDARIO DISPETTOSO!” BIASIN RISPONDE: “SEI COME I TERRAPIATTISTI…”

La narrazione sull’infortunio di Krunic

“Come ha riconosciuto lo stesso Arrigo Sacchi, quando si cambia tanto, in termini di calciatori e anche di sistema di gioco, non può essere sufficiente una sola preparazione estiva per cementare intese e «integrare» tutti i nuovi arrivati provenienti da paesi, alimentazione, allenamenti diversi. Identico ragionamento vale anche per la narrazione sull’infortunio muscolare toccato a Krunic che si è aggiunto a quello di Kalulu, i due unici autentici. Quest’ultimo tra l’altro, secondo una ricostruzione successiva, sarebbe anche frutto del caso (sostituzione rallentata perché la palla non era uscita dal terreno di gioco). Nel caso invece di Calabria e Theo Hernandez si è trattato di traumi dovuti a colpi subiti ad alcuni muscoli e che soltanto un calcolo prudente ha consigliato di lasciarli a riposo. Oggi dovrebbero allenarsi regolarmente in gruppo”.

CURRO’: “MILAN, DIFETTI A NUDO! ECCOVI L’ELENCO DEI PARADOSSI”

Maignan e Sportiello

L’editoriale di Ordine sulla delicata situazione infortuni in casa Milan si chiude con la questione Maignan: “Per Maignan identico metro di valutazione: gli esami effettuati sul francese hanno escluso qualsiasi lesione ma conoscendo la sua cartella clinica, medici e preparatori hanno pensato bene di evitare un rientro affrettato. Tra l’altro Maignan esercita un ruolo completamente diverso rispetto al vecchio schema calcistico: è lui che fa il regista arretrato, è lui che avvia l’azione da dietro, è lui che continua a calciare lungo e corto quindi sottoponendo tutta la muscolatura a continue sollecitazioni. Per fortuna di Pioli la presenza in panchina di Marco Sportiello ha spazzato via ogni timore legato alla passata esperienza (Tatarusanu) e reso meno problematico il ricorso alla supplenza temporanea dello stesso Sportiello. In generale però l’emergenza scattata in difesa che ha suggerito il cambio di sistema di gioco e più avanti anche il debutto del primavera Bartesaghi è comunque la dimostrazione che i ricambi, almeno in quel reparto, non sono stati così numerosi”.

PADOVAN: “MILAN, GLI EQUIVOCI PERSISTONO! GIOCO E GIOCATORI…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

ordine milan infortuni krunic

Ultime news

Notizie correlate