“Il KO, l’incontro al bar, la Juve”: Fagioli, il quotidiano fa luce

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Il quotidiano ricostruisce la vicenda scommesse e il caso Fagioli: dagli insospettabili inizi fino all’ammissione. Intanto, filtra la possibile squalifica

Come è iniziata la vicenda scommesse e ludopatia che innanzitutto ha coinvolto Nicolò Fagioli della Juventus? A dar corpo all’intera vicenda è il Corriere dello Sport, che questa mattina ha descritto nei dettagli l’intero caso. Incontro, sequestro, Roma e disturbo: tutto in 4 passaggi. Intanto, Sky Sport dà una verosimile squalifica dopo il patteggiamento.

FAGIOLI ACCUSA TONALI: “ME L’HA FATTA SCARICARE LUI!” IL TEMPO DEI “SE”

La possibile squalifica

Secondo Sky Sport, il centrocampista bianconero per i suoi errori pagherà con 7 mesi di squalifica dal campo. È stata dunque approvata la decisione della Procura di Torino per scommesse su piattaforme illegali, che sarà resa nota a breve. Decisivo il patteggiamento del giocatore. Ma com’è iniziata l’intera vicenda, ben 5 mesi fa? La ricostruzione del Corriere dello Sport:

“Il calciatore si rompe la clavicola il 18 maggio nella semifinale di Europa League contro il Siviglia, quattro giorni dopo la Juve perde malamente a Empoli (4-1) e soprattutto vede infliggersi, a pochi minuti dal fischio d’inizio, il -10 in classifica per il caso plusvalenze, penalizzazione che poi diventerà definitiva in virtù del patteggiamento sulle manovre stipendi (includeva l’impegno a non procedere coi ricorsi). Nicolò vede andare in frantumi la stagione – il -10 diventa -13 sul campo a causa del ko del Castellani e la Champions sfuma definitivamente –seduto sul divano di casa a Piacenza, costretto dall’operazione alla spalla eseguita nella clinica Sedes Sapientiae di Torino. Ma ancora non sa che il peggio deve ancora arrivare. La mattina successiva, è il 23 maggio, suona al citofono la polizia. È questo il momento esatto in cui comincia il caso scommesse“.

“TONALI, CHE RISCHIO!”: SCOMMESSE, LA SQUALIFICA LA DIRÀ… FAGIOLI

Incontro e sequestro

“Gli inquirenti chiedono conto a Fagioli di un incontro, avvenuto nei giorni precedenti in un bar di Torino, con uno dei sospettati della maxi-inchiesta sulle scommesse condotta da Manuela Pedrotta, pm del gruppo terrorismo ed eversione dell’ordine pubblico. La squadra mobile, scandagliando i siti illegali, va alla ricerca delle possibili connessioni con la criminalità organizzata e il signor X, allibratore conosciuto in certi ambienti, è un elemento chiave. Quello stesso soggetto viene visto in compagnia del calciatore della Juventus. Per quale ragione?

Fagioli non nega nulla, tranne il tentativo di estorsione, e si dimostra subito collaborativo: «Ho scommesso» ammette, senza indugi, consegnando agli agenti il cellulare, il tablet e il pc. A quel punto, il 22enne si rende conto che il suo comportamento può avere pesanti ripercussioni in ambito sportivo e nelle ore immediatamente successive informa la Juventus, si rivolge a due legali e prende contatti con la procura della Figc, chiedendo un’audizione prima ancora che i magistrati di Torino trasmettano gli atti in Federcalcio. Gioca d’anticipo, con lucidità, nel momento di maggior caos. Poi scrive un messaggio su Instagram, di pancia, che molti in quei giorni spiegano con la voglia di reagire al brutto infortunio, ma che probabilmente nasconde un altro significato: «Ciò che non ti uccide, ti rende più forte»”.

SCOMMESSE, CORONA: “LA JUVENTUS SAPEVA DI FAGIOLI E L’HA SCOPERTO COSÌ”

Roma e il disturbo

“L’infortunio lo costringe a stare fermo, non può allenarsi, ma così ha più tempo a disposizione per prepararsi a un terremoto mediatico che in realtà si scatenerà molto tempo dopo. È la fine di maggio, il procuratore federale Giuseppe Chiné gli spalanca le porte del suo ufficio in Via Campania, a Roma, e il centrocampista inizia a raccontare la propria storia, le ragioni della dipendenza, quando e come è nata, i soldi gettati al vento (più di 1 milione) e anche il modus operandi del “sistema scommesse” che coinvolge altri colleghi. Fagioli arricchisce la sua testimonianza con particolari talmente interessanti da far aprire subito un’inchiesta. Gli inquirenti– sia sportivi sia della magistratura ordinaria – lavorano sotto traccia e acquisiscono chat, screenshot, indirizzi IP e movimenti sospetti. Ed emerge un dato: il giocatore cresciuto nella Next-Gen bianconera avrebbe detto La verità, le sue ricostruzioni coincidono con gli elementi raccolti. «Nicolò non è un pentito di mafia» raccontano amici e conoscenti, rifiutando la versione secondo la quale Fagioli avrebbe fatto nomi e cognomi pur di ottenere uno sconto di pena. Il patteggiamento, comunque, è in arrivo. (come detto, è recente la notizia dei 7 mesi di squalifica, ndr).

La consapevolezza del disturbo non tarda ad arrivare. Nicolò ne parla in famiglia, chiede consiglio agli specialisti della Juve e già in estate sceglie di affidarsi al professor Jarre, un luminare delle patologie da dipendenza che tuttora visita una volta a settimana, inserito in un progetto di Dipartimento Patologia delle dipendenze dell’ASL TO3. Le sue finanze ora vengono gestite da un amministratore e da mesi è in cammino per guarire dal disturbo patologico del gioco d’azzardo, anche se a breve dovrà fermarsi per una inevitabile squalifica”.

CORONA: “SCOMMESSE, CIFRE ESORBITANTI! TONALI-MILAN, NON L’HA FATTO”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

fagioli

Ultime news

Notizie correlate