Il giornalista su Donnarumma: “Chi gliel’ha fatto fare di lasciare la sua culla?”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Martedì sera, il PSG di Gianluigi Donnarumma ha perso in casa l’andata degli ottavi di Champions League proprio a causa di una papera dell’ex portiere rossonero. Questa mattina, sulla Gazzetta dello Sport il giornalista Andrea Masala analizza la situazione legata all’italiano.

Scrive così: “Ci risiamo, Donnarumma finisce ancora sulla graticola. L’ultima papera è un altro brutto capitolo dell’avventura di Gigio in Francia, tutt’altro che dolce. A stemperare le critiche non sono bastati gli interventi che hanno evitato il tracollo al Parco dei Principi contro i tedeschi, sempre più tabù.

E sullo sfondo ci sono gli incubi della Champions di un anno fa, quando Donnarumma con una svista al Bernabeu innescò la rimonta del Real Madrid, costata l’eliminazione agli ottavi. Non c’è proprio pace per Gigio: quel tiro di Coman che gli sfugge e lo beffa è il pallone-spia di una situazione sempre in bilico nel Psg. Una situazione cominciata con il duello quasi rusticano con Keylor Navas e continuata con gli alti e bassi di Coppa.

ULTIME NOTIZIE MILAN – SACCHI: “GENEROSITA’, COLLABORAZIONE, AGGRESSIVITA’, FEROCIA… QUESTO E’ IL MILAN!”

Di fronte a certi rovesci, verrebbe da dire: in fondo, chi glielo ha fatto fare di lasciare la sua culla? Il braccio di ferro sul rinnovo con i rossoneri è durato a lungo. È stato snervante e si è chiuso con il divorzio. Gigio si è preso le sue responsabilità. Ha fatto spallucce quando è stato ribattezzato “Dollarumma” e ha abbandonato Milano, sua zona di conforto. Ha detto sì a chi lo corteggiava senza sosta.

Poi, il giornalista continua sul tema Milan: “Avrebbe potuto scegliere di diventare la bandiera di un Diavolo che tentava di risollevarsi, ha preferito invece mettersi alla prova all’estero, con tutti gli annessi e connessi del caso. Compresi i francesi che si incazzano, con le loro buone ragioni. L’accordo di Gigio con il Psg è il classico matrimonio d’interesse. Consente al giocatore il salto verso un top club che, a sua volta, può contare su un portiere di fascia altissima. L’obiettivo comune è la Champions League, finora stregata per il ricco Psg, il resto interessa poco e niente.

Ecco perché gli svarioni in Europa pesano così tanto. Il palcoscenico continentale ripaga sacrifici e coraggio, ma allo stesso tempo è spietato. Parigi brucia e Gigio resta sotto pressione: ci era abituato da ragazzino prodigio con il Milan, adesso diventa tutto più complicato e amplificato.

È un patrimonio del nostro calcio: deve reagire, altrimenti non ci perdono soltanto lui e il Psg, ma anche la Nazionale. Mancini non può fare a meno di lui nella ricostruzione azzurra: Gigio si rialzi, non c’è più tempo da perdere”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Donnarumma papera PSG Bayern

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate