Il giornalista attacca: “Nuovo stadio diviso in due? Braccino corto…”

DiDavide Giovanzana

Mag 11, 2022

In un editoriale su cm.com, Mario Sconcerti si scaglia contro l’idea di fare un nuovo stadio in comune per Milan e Inter.

“San Siro diviso due, non mi avete convinto. Provo ad approfondire. A me interessa poco, va bene qualunque soluzione, ma resta il problema. Si fa l’esempio di Londra: lì ci sono otto squadre ognuna con uno stadio. Se a Sesto c’è tanto spazio perché non farne due vicini, ma ognuno con il proprio stadio. Qual è l’affare, qual è il vantaggio? E’ questo che vorrei sapere da Inter, Milan e sindaco di Milano. Io non ho suggerimenti, ho domande. Quindi mi chiedo ancora: perché uno stadio in due? Qual è la casa del Milan e quale quella dell’Inter?”

Leggi QUI anche “Nuove testimonianze dal Bentegodi: nemmeno davanti ai bambini…”

“Non è un problema di soldi, con un miliardo due stadi c’entrano. Di cosa discutiamo? Uno stadio non si fa in Piazza del Duomo, si fa in periferia, com’era San Siro settant’anni fa. Il discorso è oggettivo, una squadra, uno stadio. Come si fa a mescolarsi, a tifare nello stesso posto in cui hanno tifato i tuoi avversari? La mia impressione è che ci stiamo adattando a una soluzione che non abbiamo scelto noi, ma altri, americani, inglesi, cinesi, al posto nostro. Non c’è grande squadra al mondo che divida la propria casa. Se avviene a Milano temo non sia lungimiranza, ma braccio corto.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan