Ibrahimovic, parla il dottore: “Vi spiego perché si è operato”

DiDavide Giovanzana

Mag 26, 2022

La Gazzetta dello Sport ha intervistato il dottor Loris Perticarini, ortopedico specializzato in traumatologia dello sport.

A che tipo di intervento si è sottoposto Ibra?
«Il “campo centrale” è la ricostruzione del crociato, dovuta a una pregressa distorsione con interessamento del legamento crociato. Il ginocchio soffriva di instabilità cronica, andava corretta. In questi casi, in artroscopia si associa una plastica periferica, ovvero una protezione per il ginocchio ricostruito: così facendo la stabilizzazione è rafforzata. Per quanto riguarda il menisco, poi, in caso di lesione ci sono due strade: si può asportare la zona danneggiata oppure ripararla, ed è quello che è stato fatto con Ibra. La riparazione meniscale richiede tempi di recupero lunghi, ma visto che la ricostruzione del crociato avrebbe comportato comunque un recupero di 7-8 mesi, è stato corretto optare per questa soluzione».

I tempi di recupero stimati sarebbero stati gli stessi per un calciatore di vent’anni più giovane?
«Sì, sono in linea con le tempistiche previste da operazioni di questo tipo. Per semplificare, il ginocchio di Ibra è stato ricostruito in maniera simile a quello di Chiesa, con dei gesti chirurgici accessori: i tempi di recupero sono pressoché identici. Tra 7-8 mesi Zlatan potrà tornare in gruppo. Rivederlo prima è difficile: con un crociato ricostruito e una riparazione meniscale non ci sono scorciatoie».

Leggi QUI anche “Kalulu: ho faticato, ho sudato e ora eccomi qui”

Chi pensa che Ibra possa smettere è fuoristrada?
«Beh, non ti sottoponi a questa tipologia di intervento per fare il dirigente…È chiaramente una operazione finalizzata al rientro in campo».

Quali possono essere le complicazioni?
«Sui tempi della riabilitazione potrebbero incidere eventuali problemi cartilaginei associati. Al netto di questi fattori, una volta guarito non dovrebbero esserci problemi: la stabilità del ginocchio non cambia, è il sostegno dato dai muscoli che incide, ma sotto questo aspetto Ibra è una garanzia…».

L’infiammazione al tendine di Achille di cui Ibra ha sofferto quest’anno era alla gamba sinistra: legami con il ginocchio operato?
«Non necessariamente, ma una cosa è sicura: questi mesi potranno aiutare, le tendinopatie spesso guariscono durante la terapia».

Rivedremo uno Zlatan a tempo pieno?
«Potrà senz’altro giocare più spesso. Quanto spesso non dipenderà dal ginocchio ma da altri fattori come la resistenza o la forza muscolare, che in un atleta 40enne hanno il loro peso».

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

photocredits: acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan