il 20/09/2023 alle 18:19

Rilfesso o riflessione? Ibrahimovic fa scatenare i social (e i tifosi del Milan)

0 cuori rossoneri

C’è Milan nel futuro di Ibrahimovic? Mentre proseguono i giorni di dialoghi e riflessioni, Zlatan confonde le acque

Dal post Inter-Milan si parla sempre più intensamente di un possibile ritorno di Zlatan Ibrahimovic in un’altra veste. Solo tre mesi fa e poco più, il 4 giugno, Ibrahimovic salutava il Milan e il calcio giocato. A San Siro, quell’addio è rimasto nel cuore di tutti i tifosi rossoneri, tanto che in molti, ora, chiamano a gran voce il suo ritorno. Due giorni fa, l’ex attaccante a disposizione di Stefano Pioli si ripresentava dall’allenatore a Milanello: una visita che ha fatto scalpore e che ha dato il la a tutte le notizie delle ore successive. Ma come stanno le cose?

ibrahimovic milan

Zlatan mischia le carte

Pioli, quell’incontro cordiale avvenuto nel centro sportivo rossonero l’aveva classificato come “programmato” e “da amici”. Tuttavia, diverse fonti hanno raccontato di incontri tra Ibrahimovic e la società anche in vista della gara di Champions League tra Milan e Newcastle, alla quale si è presentato in tribuna. Oggi, tornato al centro delle news, Zlatan ha pubblicato un tweet alquanto enigmatico. Una semplice foto: c’è lui, c’è la sua auto di lusso, e c’è una porta vetrata di fronte. Ibra, a bordo della sua macchina, si fa una foto di fronte alla sua immagine riflessa e scrive: “My Reflection”. Il mio riflesso? La mia riflessione? Il doppio significato della parola inglese ha fatto scatenare i tifosi sui social, i quali hanno sperato che Ibrahimovic facesse riferimento a un suo pensiero di tornare al Milan. In ogni caso, considerando il personaggio, non è da scartare l’ipotesi che si tratti di un semplice modo per giocare con i propri follower.

Come procedono i dialoghi?

Secondo quanto ha scritto questa mattina La Gazzetta dello Sport, “da quanto filtra dal club non è stato un vero colloquio di lavoro e nessun contratto ufficiale gli è stato offerto”, ma l’incontro avvenuto ieri pomeriggio con Gerry Cardinale è stato decisamente più istituzionale rispetto a quello avvenuto a Milanello con Stefano Pioli e con la rosa. Allora, resta da capire l’eventuale ruolo che Zlatan potrebbe coprire nel club. A tal proposito, spiega la rosea.

Extracampo

“Ibra non accetterebbe un ruolo di secondo ordine e in società tutte le caselle sono occupate. Nell’area sportiva, con Moncada e D’Ottavio, tanto più in quella manageriale, che fa capo all’AD Furlani, sempre più in prima linea. […] Ibrahimovic in veste di scout? Nemmeno a pensarlo. Ibrahimovic testimonial? Avrebbe più senso: la sua immagine è sempre riconosciutissima, e per Cardinale il business legato al brand è una priorità. Un ruolo per Zlatan molto «passivo»: l’idea è che, quando scioglierà le riserve sul futuro, Ibra vorrà farlo per impegnarsi in un progetto che lo veda coinvolto e soprattutto operativo”.

L’ipotesi del campo

“È giusto considerare la possibilità di un ruolo più vicino alla squadra, nello staff di Pioli oppure come figura a contatto con i calciatori. Pioli non si opporrebbe: ha sempre detto di essere legato a Zlatan e sarebbe felice di lavorare di nuovo con lui. […] Zlatan non ama guardare da lontano, vuole sentirsi parte di una sfida. […] L’impressione è che Ibrahimovic e il Milan si stiano guardando a distanza, per capire se è possibile tornare insieme con il ruolo giusto”.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

ibrahimovic milan

NOTIZIE MILAN