Ramaccioni ricorda: “Ibrahimovic pilota, il Milan mai facile”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Lo storico ex team manager del Milan ha ricordato e raccontato il primo approdo di Zlatan Ibrahimovic in rossonero: le parole di Silvano Ramaccioni

In un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, l’ex storico Direttore Sportivo, team manager e anche addetto agli arbitri del Milan ha citato Zlatan Ibrahimovic e Massimiliano Allegri e delle difficoltà di fare l’attaccante in rossonero. Ecco alcuni passaggi dell’intervento di Silvano Ramaccioni ai microfoni della rosea.

Top class! Anzi…

Parlando dei centravanti della storia del Diavolo, Ramaccioni chiarisce: “Al Milan dovevi segnare. E proprio per questo, poi sottolinea: “Altri attaccanti italiani? Molti, ragazzi di passaggio. Il Milan non è mai stata una squadra facile. Per emergere dovevi avere classe, fiuto, forza”.

Infine, va sullo “spettacolo pirotecnico” chiamato Ibrahimovic: “Mi ha regalato la gioia dell’ultimo Scudetto, con Allegri in panchina. Ibrahimovic è da top class. Anzi, è il pilota dell’aereo“. Nel corso della sua intervista, Ramaccioni ha parlato anche i vari allenatori che negli anni hanno occupato la panchina rossonera, definendoli simpaticamente “tutti pesci del mio stagno”.

Ultime news

Notizie correlate