Helveg: “Milan e Inter sullo stesso piano! Vincere? Serve una striscia come la nostra”

DiDavide Giovanzana

Feb 16, 2022
Thomas Helveg

Il doppio ex Thomas Helveg ha rilasciato un’intervista a Tuttosport, parlando della lotta scudetto tra le milanesi.

“La strada è ancora lunga, il campionato è molto interessante. Credo che alla fine lo scudetto finirà a Milan. Non so se lo vincerà l’Inter o il Milan, ma di certo sarà una bella lotta. Vedo i partenopei un po’ più staccati.”

Una lotta serrata, insomma.
“Assolutamente, credo che si deciderà tutto nelle ultime giornate, se non addirittura all’ultima.”

L’esclusione dalle coppe può essere un vantaggio per il Milan?
“Certamente. Puoi essere concentrato al 100% sul campionato, oltre che preparare le partite tranquillamente senza avere distrazioni europee. Diciamo che sulla carta non hai ulteriori disturbi, o meglio, che questi possono riguardare solo i tuoi rivali. Da questo punto di vista l’avere meno impegni porta dei benefici.”

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Forse anche il suo Milan approfittò di tale situazione.
“Il poter preparare solo una partita a settimana fu importante. Zaccheroni era appena arrivato come allenatore. Il tecnico praticava un suo gioco e noi abbiamo dovuto imparare a capire cosa volesse. Piano piano siamo migliorati e alla fine giocavamo a memoria. La nostra rosa era composta anche da grandi campioni e pure questo fece la differenza. Capimmo che il successo si trovava dietro l’angolo. Vincemmo una, due, tre partite: ci convincemmo che valesse davvero la pena crederci. E i nostri sforzi vennero ripagati.”

Quali sono le differenze e le analogie tra il suo Milan e quello attuale?
“Sono passati tanti anni, il calcio è cambiato. Il mio ricordo del nostro scudetto è che da un momento all’altro abbiamo trovato questo ‘circolo positivo’. Nessuno si aspettava vincessimo le ultime sette gare ma fu così. Sarà pure noioso dirlo, ma noi davvero giocavamo match dopo match. Affrontammo in questo modo il finale del campionato e risultò decisivo. Ci trovammo al primo posto con l’ultima gara da vincere per essere campioni. Credo che pure per la stagione attuale possa essere lo stesso.”

-Leggi QUI anche “Milan-Belotti: nuovi contatti! Le ultimissime”-

Chi le piace del Milan attuale?
“Nelle fila dei rossoneri militano alcuni campioni, giocatori che fanno la differenza. Mi aspettavo di vedere un Leao così, mentre uno che mi ha sorpreso è Giroud. Il francese prima faceva fatica ad arrivare in porta, mentre ultimamente ha dimostrato di essere uno che può decidere le gare. Con la mancanza di Zlatan, avere un Giroud così non è mica così male.”

Chi è più forte tra Milan e Inter?
“Difficile dirlo, direi che sono sullo stesso livello. L’Inter ha vinto il campionato nell’ultima stagione: mentalmente sanno cosa ci vuole per ripetersi. Vincere porta a vincere, la testa può essere fondamentale. Attenzione però alla fame del Milan, quella potrebbe fare la differenza.”

Thomas Helveg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan