Milan, Vlahovic elogia Giroud: “Le statistiche non dicono tutto”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Dusan Vlahovic ha svelato quali sono i modelli a cui si ispira: tra di loro c’è sicuramente Giroud, ma anche altri due ex Milan

Generazioni a confronto. In una lunga intervista a L’Èquipe, l’attaccante della Juventus Dusan Vlahovic si è raccontato a 360 gradi. Il centravanti ex Fiorentina ha anche svelato i suoi modelli, i grandi giocatori del presente e del passato a cui si ispira. Tra di loro c’è indubbiamente Olivier Giroud, ma ci sono anche altri due ex Milan.

Vlahovic svela

“I miei modelli? Cristiano Ronaldo, ovviamente, che ho seguito dal Manchester United, quando era ala sinistra. Anche Zlatan Ibrahimovic mi è piaciuto molto, così come Fernando Torres con i suoi capelli un po’ lunghi, ai tempi del Liverpool. E poi Karim Benzema, un giocatore che adoro. Mbappé? È fortissimo, ha 25 anni e ha vinto quasi tutto, ha fatto 40 gol in questa stagione. Anche Giroud è un gigante. Le statistiche chiedono sempre di più spazio, ma non dicono l’importanza di un giocatore. Nel Mondiale del 2018 vince la Francia, i numeri dicono che Giroud ha segnato zero gol ma senza di lui la Francia non avrebbe vinto. Era insostituibile con tutto il lavoro sporco che ha fatto, i passaggi, il suo modo di pesare sulle difese. È stato uno dei giocatori fondamentali per la vittoria“.

Ultime news

Notizie correlate