Giroud ha già il suo erede: “Si è rivelato subito prezioso”

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

Giroud, pronto a riabbracciare il Milan, parla bene dell'”amico” Thuram. La sfida, però, è pronta a ricominciare.

Rivali nell’eterna lotta tra Inter e Milan, compagni di reparto in Nazionale. Giroud e Thuram sono i due attaccanti principali della Francia vice campione del Mondo: il primo è il titolare e il miglior marcatore della storia del Blues, il secondo “studia” per essere l’erede. Oliver Giroud, intanto, ha avuto diverso tempo per osservare il compagno (e rivale), studiarne le caratteristiche e comprenderne i punti di forza. Il giudizio finale è decisamente positivo.

CANNAVARO: “LO SEGUO DA SEMPRE, MI RICORDA IL PRIMO IBRAHIMOVIC”

Giroud tra Milan e Thuram

A fine giugno, quando Marcus Thuram era vicino a vestire la maglia rossonera, sicuramente tra i principali “sponsor” in società c’era proprio Oliver Giroud. L’attaccante rossonero, dopo aver visto il numero nove nerazzurro all’opera nelle prime giornate di Serie A, è rimasto sorpreso: “Si è rivelato subito prezioso per l’Inter con la sua capacità di segnare e di fare assist. Marcus è un giocatore in continua evoluzione, giovane e in fase ascendente”. Thuram (che in realtà ha già spento ventisei candeline sulla torta) ha ancora spazio per crescere, soprattutto in coppia con Lautaro: “Questo sistema a due attaccanti con Lautaro Martinez corrisponde bene al suo profilo. La loro complementarità e la loro complicità sono evidenti. A lui piace questo schema”. Difficile, quindi, per i tifosi della Francia, vedere Giroud e Thuram insieme in campo, giocatori in parte molto simili, un connubio che sarebbe certamente molto diverso da quello in ambito nerazzurro. “Marcus ha bisogno di avere un altro giocatore al suo fianco per esprimere la quintessenza delle sue qualità”. Sarebbe stato difficile per il numero nove nerazzurro ambientarsi e trovare spazio nel Milan? Con questo Giroud, probabilmente, gli spazi non sarebbero stati moltissimi.

SAELEMAEKERS: “GIROUD? SE CAPITA CI SONO”

Stagioni a confronto

Numeri nove a confronto, Giroud nel Milan e Thuram nell’Inter. La grande prestazione del secondo nell’ultimo derby fa pendere il giudizio dalla sua parte, ma i numeri parlano chiaro. In Serie A, Marcus Thuram ha finora impattato in modo molto positivo con due reti e cinque assist in otto partite. Ottimo anche l’inizio in Champions League, con un gol realizzato. Sulla sponda rossonera, però, la risposta di Giroud è chiara: sette partite, quattro gol e tre assist (nonostante il francese sia ancora a secco nella massima competizione europea). Interessante anche il confronto in Nazionale nella presente stagione: stesso numero di reti (una) nonostante il titolare sia quasi sempre il bomber del Milan, con Marcus pronto a subentrare. Da domani, le strade di Giroud e Thuram torneranno a dividersi: ciascuno sulla sua sponda del Naviglio, in attesa di rivedersi a fine novembre. Nel frattempo, la sfida per lo Scudetto continua.

REIJNDERS: “BOLT IL MIO IDOLO. GIROUD? IL PIU’ FAMOSO CHE CONOSCO”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

giroud

Ultime news

Notizie correlate