Trovato l’antidoto alla “maledizione”