Fischi a Donnarumma in Milan-PSG, la mental coach: “Gli feci capire questo”

I più letti

Lorenzo Iadevaia
Classe 1996, appassionato a 360 gradi di calcio, sport con uno spiccato interesse per il campo della comunicazione, dell'informazione e dei media, è cresciuto professionalmente nelle web radio con sede in Toscana tra Prato e Firenze come speaker in programmi radiofonici e rubriche sportive e come web editor di un portale di informazione prima di approdare a Radio Rossonera in qualità di redattore del sito web e ritornare a occuparsi di calcio seguendo le notizie del mondo Milan. L’attenzione allo scenario social e il desiderio di essere sempre informato e aggiornato sono le caratteristiche che lo contraddistinguono.

Donnarumma e la mental coach, il lavoro che stanno svolgendo assieme e la preparazione ai fischi di Milan-PSG

Gianluigi Donnarumma ha rilasciato alcune dichiarazioni a SportWeek, dove è in copertina, e ha parlato di come ha lavorato per non farsi distrarre dai fischi nei ritorni a San Siro sia con la Nazionale che con il PSG contro il suo ex MilanNel focus sul portiere azzurro anche le parole della famosa mental coach Nicoletta Romanazzi, che lo assiste dal 2022.

Donnarumma sull’aiuto dato dalla mental coach

Gianluigi Donnarumma è il protagonista dell’edizione di questa settimana di SportWeek. Nell’approfondimento dedicato al portiere, l’attenzione si è spostata soprattutto sull’aspetto della tenuta mentale in un ruolo come quello dell’estremo difensore in cui la concentrazione è decisiva. Gigio ha parlato così di quello che ha appreso da Nicoletta Romanazzi, già mental coach di Marcell Jacobs: “Dalla mental coach ho imparato a gestire gli errori e anche i successi. Mi aiuta a rimanere concentrato su me stesso e non pensare agli elementi esterni. Non è una debolezza chiedere aiuto, anzi rende più forti”.

La preparazione di Donnarumma ai fischi in Milan-PSG

Nicoletta Romanazzi che aiuta Donnarumma ha svelato il lavoro svolto prima del delicatissimo ritorno a Milano contro il Milan con la maglia del PSG: “Lui è legatissimo a Milano e al Milan, quindi sapevo che sarebbe stata una grande sofferenza questa reazione di quelli che sono stati i suoi tifosi per 6 anni”. Questo il cambio di prospettiva proposto dalla mental coach al portiere per vedere diversamente la pioggia di fischi, che poi effettivamente è arrivata sul classe 1999: “Feci capire a Gigio che tanto più i tifosi sarebbero stati arrabbiati e tanto più voleva dire che gli volevano bene. La reazione di chi si era sentito tradito. Gli dissi di prendersi il pezzo di responsabilità e di accogliere quella relazione”.

 

Ultime news

Notizie correlate