Gazidis a SportWeek: “Non vorrei mai più trovare il Milan di due anni fa”

Gazidis

Ivan Gazidis ha rilasciato una lunga intervista a SportWeek. Queste alcune delle sue principali dichiarazioni:

“Il Milan ha tifosi straordinari che mi hanno colpito per competenza e autenticità. I valori di riferimento sono gli stessi che avevamo all’Arsenal. Valori a cui tutti devono far riferimento, tutti quelli che lavorano per il Milan, a partire dai giocatori. Il primo valore è quello dell’unità, che significa coesione d’intenti, ma soprattutto inclusione. Da noi sono tutti benvenuti. E poi c’è uno stile di comportamento che si associa al Milan, direi che si può sintetizzare con la parola eleganza. E la volontà di guardare avanti, anche oltre i confini del calcio, di avere una prospettiva”.

Sul progetto: “Fin dal primo giorno abbiamo avuto una strategia chiara basata su 4 principi.

Il primo è il campo come priorità, perché il calcio moderno non è solo un sistema di gioco, ma è una mentalità. Velocità, pressing, uno contro uno e transizioni come momento fondamentale. Non vorrei mai più trovare il Milan come era due anni fa. Vorrei un Milan forte, che faccia emozionare e crei orgoglio.

Secondo è aumentare i ricavi con una nuova organizzazione. Il Milan è un brand forte che ha oltre 500 milioni di sostenitori nel mondo. Siamo il marchio sportivo italiano più forte in diversi mercati strategici come gli USA e la Cina e negli ultimi 12 mesi abbiamo chiuso contratti con 21 nuovi sponsor.

Terzo: un nuovo stadio, necessario per avere futuro.

Quattro creare le fondamenta per la sostenibilità economica. Abbiamo una proprietà solida, che ci sostiene e crede fortemente in questo progetto, ma il percorso è ancora lungo”.

Su Pioli: “Stefano ha una sensibilità superiore, cerca di capire gli altri e si preoccupa per tutti. chi sente questa empatia e professionalità si getterebbe nel fuoco per lui. È un professionista in sintonia con la nostra visione. Di lui mi piace il fatto che rende facile ciò che sembra difficile”.

Su Maldini: “È una bandiera, una leggenda del calcio, ma è soprattutto un direttore sportivo che conosce benissimo il calcio e sa guardare avanti pensando alla sostenibilità economica. In questi ultimi tre anni è cresciuto tantissimo”.

Sul rinnovo di Ibrahimovic: “Sulle vicende dei singoli giocatori, preferisco lasciare la risposta a Maldini. Lo Zlatan che conosco io è un uomo di grande intelligenza e sensibilità. Ha un’identità privata che adoro e una personalità pubblica che alimenta e utilizza per motivarsi. Del resto per restare competitivi a 40 anni, la motivazione ha un ruolo decisivo”.

Leggi anche Pellegatti: “Pioli potrebbe cambiare modulo per togliere riferimenti agli avversari”

photocredits acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tutti convocati

Radio rossonera live

torna al live

La radio 24/7 dedicata al Milan