Gattuso: “Amrabat mi ha commosso molto! Da tanto non vedevo uno come me”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

In una lunga intervista rilasciata al quotidiano spagnolo AS, l’allenatore del Valencia e leggenda del Milan Gennaro Gattuso ha parlato della sua esperienza da calciatore e da allenatore, trovando anche spazio per nominare una sorta di… erede.

Gattuso sulla vita da allenatore
“La vita del giocatore è migliore. Per come vivo io il calcio, non ho una vita. Devo ringraziare mia moglie che non so come faccia a stare con me. È difficile, comincio alle 8.30 e torno a casa alle 19. Ho iniziato questa carriera da zero. Conoscevo il calcio, ma non ero preparato. Ho guardato partite di ogni categoria. Nell’ora e mezza che siamo in campo, mi sento vivo. Ora vedo il calcio in modo totalmente diverso rispetto a quando giocavo. Quando allenavo Milan e Napoli non pressavamo alti, adesso sì”.

LEGGI QUI ANCHE   -MILAN, PATTO DI SPOGLIATOIO: IL RETROSCENA SUL RINNOVO DI RAFAEL LEAO-

Su Carlo Ancelotti
“Quando ho iniziato a fare l’allenatore ho chiamato Ancelotti e gli ho detto “Come si fa?”. Per me lui è il miglior allenatore al mondo, viene da 3-4 generazioni fa e ha sempre la chiave per entrare nella testa dei giocatori. È incredibile come lui ci sia sempre riuscito con 4 generazioni diverse”.

Sulla carriera da calciatore: cosa ti ha lasciato?
“Ho corso tanto e tatticamente ero fortissimo ma sicuramente nel calcio moderno mi mancherebbe qualcosa. Avevo carattere, ma per il modo in cui mi piace giocare non basta avere carattere. Ora vedo il calcio in modo totalmente diverso rispetto a quando giocavo. Se guardi le partite del Milan o del Napoli quando ero lì, non pressavamo in attacco. A Valencia è il primo anno che lo faccio”.

LEGGI QUI ANCHE    -IBRAHIMOVIC: “MILANO UNA SECONDA CASA, POTREI RIMANERCI…”-

Gattuso su Amrabat e le grandi prestazioni al Mondiale
“Era da tanto che non vedevo un giocatore simile a me, ma l’ho visto ai Mondiali: Amrabat. Mi ha commosso molto, sembravo io quando giocavo a 27 anni. La vita era molto migliore quando giocavo, da allenatore proprio non ce l’hai. Devo ringraziare mia moglie, non so come stia ancora con me, ma in qualche modo devo cambiare, perché non puoi passare 18 o 19 ore a pensare al calcio”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Gennaro Gattuso

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate