il 12/12/2023 alle 12:34

Gasperini: “De Ketelaere è sano, ma enfatizza. Gli chiedo…”

0 cuori rossoneri

Intervistato da DAZN a Supertele, Gian Piero Gasperini ha espresso il suo parere sul Milan e sulla crescita di De Ketelaere

Sabato scorso si è disputata Atalanta-Milan, prima occasione di scontro tra Charles De Ketelaere e la sua “ex” squadra. La prova del trequartista belga si è potuta definire nel complesso sufficiente, col classe 2001 che ha riscattato il clamoroso errore sotto porta del primo tempo servendo poi l’assist a Lookman per il momentaneo 2-1. Intervistato da DAZN a Supertele, Gian Piero Gasperini ha espresso il suo parere sul Milan dopo il match vinto e sulla crescita di De Ketelaere sotto la sua guida.

Gasperini De Ketelaere

ATALANTA-MILAN, DE KETELAERE: “AL MILAN NON HANNO FUNZIONATO TANTE COSE, SOPRATTUTTO IO”

Gasperini sul Milan

Che idea ti sei fatto sul Milan?

“Per me il Milan rimane una squadra forte con tante soluzioni. Con un allenatore che crea imprevedibilità e duttilità alla sua squadra. Ha bisogno anche lui di recuperare i giocatori che mancano in questo momento. Non solo Leao, sta recuperando Bennacer ma soprattutto in difesa. Non è facile per nessuna squadra giocare così tante partite nelle coppe. E poi si trovano squadre come l’Atalanta l’altra sera. È un campionato molto equilibrato. Il Milan è comunque terzo in classifica: ci sono 8/10 squadre in pochissimi punti. Se si guarda oltre il risultato di ogni partita, in questa Serie A c’è da restare forti mentalmente e andare al di là dei risultati”.

“DE KETELAERE MOLLE, POCO INTENSO…MI ARRENDO!”: I DUBBI DELL’EX

Gasperini su De Ketelaere

A che livello è De Ketelaere?

“Parliamo di un ragazzo molto giovane. Ha un fisico particolare, è alto oltre 1,90. La maturità fisica e muscolare la può raggiungere anche dopo. Qualcuno a 20 anni ha già una certa maturità, altri la raggiungono dopo. Lui è un ragazzo molto positivo, per quella che è la mia esperienza. Mi sta dando risposte importanti. La sua crescita forse non sarà immediata, ma è di valore. Acerbo? È vero, ma capisce. La prima cosa che gli sto chiedendo è di non accentuare gli errori. Qualche volta enfatizza troppo, anche il più banale come una palla persa a centrocampo. Dà sempre questa sensazione. E questo sarebbe già un primo passo. Io l’altra sera l’ho visto molto positivo e più determinato. Sono convinto che sia solo questione di tempo, il ragazzo è sano”.

ESCLUSIVA, VAILATI: “MILAN, L’ATALANTA NON E’ ABITUATA COSI’! DE KETELAERE AMLETICO”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

 

NOTIZIE MILAN