Furlani: “Quanto mi piace questo Milan!” Giroud: “Adli mi ricorda… me”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Dall’Ippodromo di San Siro parlano Furlani e Giroud: dall’ambiente a Casa Milan alla mentalità di Adli

Presente all’evento “Red Black + Fun” organizzato dal Milan e da Snaitech, Radio Rossonera ha raccolto le dichiarazioni rilasciate da Olivier Giroud e Giorgio Furlani a margine. Nelle loro parole, la felicità di vivere questo “nuovo” Milan di Stefano Pioli e il presente, più che il futuro. Per quanto riguarda l’attaccante, tante domande sul campo, mentre l’Amministratore Delegato rossonero ha confessato il suo gradimento per il clima unito che si respira nei diversi settori del club. Di seguito, le parole di Furlani e Giroud.

SCARONI: “DOPO IL 5-1 PESSIMO UMORE PER 24H! IBRA? FELICI SE TORNASSE AL MILAN”

Parla Furlani

Così l’AD rossonero, galvanizzato (ma pacato) dall’inizio di stagione:

“È stato un bell’inizio, è ancora presto però. Vedremo a giugno. Devo dire che una cosa che mi piace molto è il gruppo e lo spirito che si sono creati. Sia a Milanello sia sul campo, e per questo ringrazio il mister, i giocatori e lo staff. Ma la stessa cosa si vive a Casa Milan, dove c’è un grande spirito e un lavoro di gruppo, ed è lo stesso atteggiamento che spero di portare in questa collaborazione con Snaitech”.

MARCOLIN: “JOVIC DEVE STUDIARE GIROUD, LEAO GENIO E SREGOLATEZZA”

Le parole di Oli

Per quanto riguarda il numero 9 francese, ai giornalisti presenti ha parlato della nostalgia da gol:

“Personalmente voglio fare tutto per la squadra. Quando faccio assist sono contento, ma mi manca un po’ il gol da qualche settimana, ma faccio di tutto per farlo presto”.

Giroud si proietta anche alla prossima sfida, quella di mercoledì in Champions League contro il Borussia Dortmund:

“La Champions è un’emozione speciale, vogliamo fare bene in questa seconda partita, soprattutto perché dovevamo vincere contro il Newcastle. Sarà non una partita decisiva ma molto importante”.

Le settimane dopo il derby sono state complicate?

“Complicate no. Abbiamo cambiato dei giocatori e abbiamo rinforzato la squadra. Abbiamo imparato e vogliamo giocare sia la Champions che la Serie A. Abbiamo un po’ più di qualità e quantità rispetto all’anno scorso”.

Sul suo futuro ed eventuale rinnovo di contratto:

“Io non mi proietto oltre giugno. Sono concentrato su quest’anno per fare il massimo per il Milan, poi vediamo. Come ho sempre detto dal primo giorno, sono molto felice qui”.

Un pensiero su Adli:

“Sono molto felice per Yacine, perché lui ha lavorato tanto fin dal primo giorno. Non è stato facile per lui, non aveva l’opportunità di far vedere le sue qualità, e lui ne ha tante. Adesso può giocare il suo calcio e aiutare la squadra e continuare a lavorare così: mi piace tanto la sua mentalità, mi ricorda me da ragazzo, quando ho cominciato”.

Infine, si sposta sull’esperienza nel percorso in Champions League:

“L’esperienza è molto importante in queste partite, ma dobbiamo avere alchimia anche con la giovinezza che abbiamo in questa squadra. Siamo fiduciosi ma sempre con umiltà”.

MILAN, DI STEFANO: “FURLANI E MONCADA A MILANELLO: IL MOTIVO È CHIARO”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

furlani milan

Ultime news

Notizie correlate