Milan, Pedullà: l’appello a Furlani e il ridimensionamento di Ibrahimovic

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Pedullà fa il punto sulla situazione in casa Milan: un messaggio a Furlani per l’allenatore e un dubbio su Ibrahimovic

In casa Milan è tempo di analisi e di bilanci, la prossima stagione si cambierà: Alfredo Pedullà vuole puntualizzare due aspetti. Il primo riguarda Giorgio Furlani e la scelta del prossimo allenatore, il secondo Zlatan Ibrahimovic e il peso che ricopre in società. Lo svedese intanto si sta occupando del rinnovo di Camarda.

“Furlani ascolti i tifosi, Ibrahimovic?”

Il Milan deve prendere un importante decisione sul prossimo allenatore e Pedullà dà un consiglio a Furlani via Sportitalia: coinvolti i tifosi. Lopetgui è stato rigettato: “Una cosa va ribadita: Furlani tenga conto dei tifosi nella scelta del nuovo allenatore. Per essere più chiari: non bisogna essere condizionati dalle gente, ma tenerne conto sì, cosa che sta accadendo in queste ore. La ribellione a Lopetegui è stata impressionante, un plebiscito al contrario che inevitabilmente lascia traccia. Non è giusto dire “il tifoso rossonero vuole Conte” (fin qui mai trattato), ma sarebbe più giusto rendersi conto di quanto Lopetegui sia il meno gradito. Restiamo della nostra idea di sempre: il Milan ha bisogno di un profilo top”.

Si è detto dell’importanza del parere di Ibrahimovic sul prossimo allenatore, Pedullà ha qualche dubbio: “Siamo convinti che Ibrahimovic incida per il 51 per cento nella scelta del nuovo allenatore? Dicono di sì, ma il timore è che si tratti di un’interpretazione non obbligatoriamente suffragata dai fatti. Oppure di una pura declamazione verbale“.

Ultime news

Notizie correlate