Furlani: “Moneyball? Non è corretto! Ecco quando il Milan avrà il suo stadio”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Intervistato nel prepartita di Borussia Dortmund-Milan, l’AD rossonero Giorgio Furlani ha parlato del nuovo stadio e non solo

Negli ultimi anni, è stata sotto gli occhi di tutti la grande rinascita del Milan a livello economico, con Giorgio Furlani grande protagonista in tal senso. Intervistato nel prepartita di Borussia Dortmund-Milan, l’AD rossonero Furlani ha parlato di questo, del nuovo stadio e non solo.

FURLANI: “QUANTO MI PIACE QUESTO MILAN!” GIROUD: “ADLI MI RICORDA…ME!”

Furlani nel prepartita di Borussia Dortmund-Milan a Prime

“È dall’estate che lavoriamo bene, c’è sintonia. Le cose per ora sono andate bene, poi vedremo a giugno. Siamo qua per giocarcela”.

Si può già fare un primo bilancio del vostro operato?

“È 5 anni che sono coinvolto nel progetto, più da vicino nell’ultimo anno. Usare la parole Moneyball non è una formula magica e non è corretto, noi lavoriamo insieme a Casa Milan. Non c’è un algoritmo segreto che sputa fuori soluzioni magiche… Non è corretto dire così”.

Com’è la questione stadio?

“È cinque anni che proviamo a fare uno stadio nuovo. Non possiamo essere competitivi senza uno stadio moderno. Abbiamo ora un nuovo progetto a San Donato. Tempi? Cinque anni da ora per giocare la prima partita nel nuovo stadio”.

SCARONI: “DOPO IL 5-1 PESSIMO UMORE PER 24H! IBRA? FELICI SE TORNASSE AL MILAN”

Le sue parole a Sky

L’emozione del tifoso Furlani che è AD del Milan: “Non direi ex tifoso ma tifoso ancora. Grandi emozioni, è un bellissimo stadio. Bella tifoseria la loro, ancora più bella la nostra che è qua numerosa. Per me è una grande fortuna essere in questo ruolo, ma c’è anche un grande senso di responsabilità: bisogna fare bene”.

Sul nuovo stadio del Milan a San Donato: “È da 5 anni che sono coinvolto e che ci battiamo per avere uno stadio nuovo, il Milan ha bisogno di uno stadio nuovo per essere competitivo costantemente a livello europeo. Vai in giro ed impari dagli altri per implementare. Noi stiamo andando avanti su San Donato, speriamo che lo stadio nuovo del Milan sia una realtà nei prossimi anni”.

Che estate è stata nel costruire la squadra? “Si è dormito poco quest’estate, ma per buone ragioni. C’è un gruppo di lavoro, non solo io in particolare. Lavoriamo bene a Casa Milan, lavoriamo bene con lo staff tecnico, prendiamo decisioni di gruppo. Per ora tutto bene, vedremo a giugno”.

Il Milan arriva all’utile di bilancio rimanendo competitivi. Sarà la vostra stella polare in futuro oppure ci potranno essere opportunità di stanziare extra budget in caso di opportunità di mercato e creare così un po’ di debito? “Cinque anni fa quando sono arrivato il Milan si trovava in una situazione finanziaria disastrosa. Non vogliamo che si ripeta, saremo sempre disciplinati da questo punto di vista. Credo che come abbiamo fatto vedere non vuol dire che non saremo competitivi sul campo”.

MILAN, DI STEFANO: “FURLANI E MONCADA A MILANELLO: IL MOTIVO È CHIARO”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Furlani Dortmund Milan

Ultime news

Notizie correlate