Ordine: “Un mese di sprint, ma Pioli ha un piano ben preciso”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

In un editoriale sulle colonne de Il Giornale di oggi, Franco Ordine ha parlato del prossimo ciclo di partite del Milan, che ha chiuso il precedente con il trittico Chelsea-Juve-Chelsea e che ha bisogno di risultati importanti prima della pausa Mondiale.

“Uno sprint lungo un mese, un mese giusto giusto dal viaggio a Verona stasera, pieno di insidie, fino alla sfida domestica con la Fiorentina del 13 novembre. Per il Milan comincia il mese più importante della prima fase del torneo per due motivi: 1) perché in campionato ha un calendario non molto complicato (i 5 scontri diretti sono già alle spalle); 2) perché in Champions league nel frattempo può ancora arpionare la qualificazione a condizione di due successi con Zagabria prima e Salisburgo poi. Non proprio una comoda passeggiata. In totale sono 8 partite, un’altra maratona insomma, tanto per cambiare.”

LEGGI QUI ANCHE   -AL MILAN I NUOVI ACQUISTI NON GIOCANO, MA I TIFOSI POSSONO STARE TRANQUILLI-

Ordine continua: “Stefano Pioli ha un piano preciso, stabilito con il contributo di preparatori e staff medico di Milanello: affrontarlo con la rosa quasi al completo a parte i lungodegenti (Ibra, Florenzi e Saelemaekers). I recuperi a rate rappresenta la tecnica stabilita per evitare grane da una eventuale accelerazione dei tempi. Così Maignan e Kjaer possono puntare al derby di sabato 22 ottobre col Monza, De Ketelaere tra Dinamo e Torino della settimana successiva. Questo significa che Messias più Rebic e Origi sono già arruolati per Verona che un campionato fa rappresentò uno di quegli episodi decisivi per forgiare il carattere del gruppo e mettere la firma sull’ennesima rimonta partendo dallo 0 a 1. Tonali e Florenzi i protagonisti di quel magnifico ribaltone.”

LEGGI QUI ANCHE   -CAMARDA, NUMERI ALLA HAALAND! IL MILAN HA UN GIOIELLO TRA LE MANI-

“L’orientamento di Pioli è quello di puntare sullo stesso schieramento utilizzato con il Chelsea e prim’ancora con la Juve, l’inedito 4-3-3. Precedenza insomma a Giroud centravanti, per capirsi. Ma da qui in avanti è impensabile spremere il francese, meglio puntare anche sulla disponibilità finalmente a pieno titolo di Rebic e Origi, il primo decisivo durante il debutto in campionato, il secondo visto solo in piccole porzioni, senza mai lasciare il segno. Ecco il punto sui due, capaci di dare il cambio e anche di partire dall’inizio magari col Monza. Se non ora quando?”

LEGGI QUI ANCHE   -TARE ATTACCA: “SOCIETA’ COME MILAN, JUVENTUS E INTER TECNICAMENTE SONO FALLITE”-

Ordine conclude: “Pioli ha bisogno dei ricambi e di ottenere da questi ultimi due, rimessi in pista con qualche recente sostituzione, i gol che mancano all’appello. Il croato ha la grande capacità di giocare sia da sostituto di Giroud come centravanti che al posto di Leao, partendo da sinistra, il suo lato preferito. Così Origi del quale a Milanello sono incantati dal talento senza averlo mai visto all’opera in attacco. Che poi è l’unico vero deficit rispetto alla stessa cifra di partite del campionato tricolore: i gol subiti sono gli stessi, 9, meno 3 invece quelli realizzati. E quei tre sigilli giustificano i pochi punti in meno. Di qui la necessità di allargare la platea degli attaccanti a disposizione su cui puntare qualche fiche”.

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Franco Ordine

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate