Milan, Yazici rassicura su Fonseca: “Calcio maturo e spietato” Poi si fa avanti

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

Yazici spiega perché Fonseca è un allenatore speciale, l’ex Lille è in scadenza e flirta con il Milan: da Ronaldinho a Beckham

Paulo Fonseca sarà con ogni probabilità il prossimo allenatore del Milan, c’è chi consiglia ai tifosi di stare tranquilli, visto che l’ex Lille è un ottimo tecnico: è quello che pensa Yusuf Yazici. Il turco è in scadenza con il club francese e potrebbe essere un’ottima opportunità per il Milan. Dalle parti di Milanello dovrebbero ricordarselo bene, nel novembre del 2020 in una partita valida per i gironi di Europa League, Yazici seminò il panico a San Siro con una tripletta clamorosa: “Quella tripletta a San Siro, in uno stadio mitico contro un avversario storico non me la dimenticherò mai”.

Yazici approva Fonseca e flirta con il Diavolo

Il trequartista in scadenza con il Lille ha spiegato a So Foot l’importanza di Fonseca nella sua carriera:

“Fonseca è un un allenatore – spiega Yazici – che apprezzo molto, perché mi ha dato fiducia e mi ha insegnato molte cose. Mi piace la sua sincerità e la sua vicinanza con i giocatori. Con lui ho sviluppato un calcio più maturo, più spietato offensivamente e ormai mi piace anche difendere: e mai avrei pensato di dirlo un giorno. Fonseca mi ha mostrato che amministrare il gioco dietro la punta non è sufficiente. Ormai adoro recuperare palla e questo mi mancava. Sono più vecchio e capisco meglio l’importanza della fase di copertura nel calcio odierno”. 

La grande attrazione verso il Milan: “Mi fa piacere che molti club importanti si interessino a me, ho ancora tanti sogni da realizzare nel calcio. Non si può restare insensibili davanti a club come il Milan, che per me significa giocatori alla Ronaldinho, Beckham”.

Ultime news

Notizie correlate