Fonseca Milan, Montolivo: “No alla voce del popolo: si faccia come con Pioli”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Riccardo Montolivo ha analizzato il peso dell’umore della piazza rispetto alla possibilità che Fonseca diventi il nuovo allenatore del Milan

Intervenuto su DAZN a “Tutti bravi dal divano” nel postpartita della sfida tra Torino e Milan, Riccardo Montolivo ha parlato di Paulo Fonseca come prossimo allenatore rossonero e analizzato l’aspetto relativo all’umore della piazza in vista della sua eventuale scelta.

Le parole di Montolivo

“A me il contro che pesa di più e su cui non sono assolutamente d’accordo è che Fonseca non scalda la piazza. Ma cosa vuol dire non scalda la piazza? Perchè Pioli scaldava la piazza quando lo hanno preso? Non è che la voce del popolo sui social network ha un peso troppo grande nel calcio di oggi? Ai primi risultati negativi non può già essere messo in discussione, perchè lì si vede la forza della società. Se loro dicono di credere in un progetto, in una persona, in Fonseca, non si interessano di altro perchè pensano che farà bene. Con Pioli era stato fatto questo. Quindi il fatto che non scaldi la piazza è un contro reale, ma assolutamente sopravvalutato. A me è un allenatore che piace”.

Ultime news

Notizie correlate