Di Stefano: “Fonseca, il Milan aspetta e spera. Ma c’è un vero problema”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Paulo Fonseca è il primo obiettivo del Milan per la panchina: gli aggiornamenti da Peppe Di Stefano tra Lille e Marsiglia

Due club francesi sono nel radar del Milan per la prima scelta come tecnico del futuro: Paulo Fonseca al momento è conteso da Lille, Marsiglia e rossoneri. Le ultime dall’inviato di Sky Sport.

Settimana chiave

Di Stefano: “Gli altri allenatori rispetto a Paulo Fonseca oggi sono le alternative. Il Milan punta su di lui, aspetta e spera. Aspetta e spera che l’incontro di lunedì col Lille non vada bene: ha un contratto in scadenza con il suo club e anche per questione di eleganza a quest’incontro si presenterà. Dovrebbero proporgli un rinnovo di contratto, ma se hai sirene così importanti lo rifiuti. Almeno, questa è l’impressione.

Il problema vero è legato al Marsiglia: lui aveva un accordo di massima, una progettualità e uno stipendio abbastanza rilevante che gli è stato offerto da lì. Pare che negli ultimi giorni si sia inclinata quella direzione della trattativa. Ecco perché il Milan continuava e continua ad aspettare.

Perché è l’ideale e… Pioli

Di Stefano: “È l’allenatore ideale per caratteristiche tecniche molto simile a Pioli: 4-3-3 o 4-2-3-1. Noi l’abbiamo definito pacato, mite ed elegante ai tempi della Roma. Potrebbe integrarsi perfettamente nelle dinamiche del progetto Milan.

Non ci saranno novità fino a inizio settimana prossima, quando ci saranno questi incontri. A quel punto, qualora il Milan dovesse chiudere con Fonseca, proverebbe a trovare un accordo economico con Pioli e il suo agente per provare a non avere due allenatori a libro paga”.

Ultime news

Notizie correlate