I grandi ex: “Ecco il nostro Milan! Mai polemiche, il vero crack…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

I grandi ex Milan parlano dell’attuale squadra rossonera: alla vigilia della Champions, alla Gazzetta intervengono Donadoni, Giovanni e Filippo Galli, Evani e Nava

Cinque grandi nomi del passato rossonero, da ex guardano al “nuovo” Milan di Stefano Pioli. Alla Gazzetta dello Sport 5 diversi virgolettati su temi diversi: le parole di Roberto Donadoni, Giovanni Galli, Chicco Evani, Filippo Galli e Stefano Nava. Quanto c’è dei loro Milan in questa squadra? Da Chukwueze a Tonali, passando per Adli e il progetto.

TREVISANI: “CHUKWUEZE? MILAN, NON VALE 27 MILIONI! SEMBRA SIA REATO, LA GENTE…”

5 ex Milan

Il primo a intervenire è Donadoni, che si concentra su un particolare aspetto e subito lo paragona ai suoi ricordi:

“Il Milan di oggi mi ricorda il mio, mai una polemica: squadra organizzata e con spirito di collaborazione. Pulisic mi piace molto”.

Per quanto riguarda Giovanni Galli, invece, tanti singoli e un confronto pesante:

“Il Milan è divertente. Bene Reijnders e Pulisic ma per me il vero crack può essere Chukwueze: in Liga era devastante, sembra Robben”.

Poi, l’ex collaboratore di Roberto Mancini alla guida della Nazionale si concentra sul calciomercato. Le parole di Evani:

“Bravi a sacrificare Tonali per giocatori funzionali. Li vedo protagonisti, i nuovi si sono inseriti subito: Reijnders-Loftus giocatori importanti”.

Nava sposta l’attenzione sul club:

“Progettualità intelligente: punta a rendere la squadra più solida ed europea. Leao campione se saprà essere d’esempio per il gruppo”.

Filippo Galli, infine, crede nella vittoria finale per più motivi:

“Il Milan lotterà per lo scudetto: ha qualità, personalità e idee. Adli ha un senso di appartenenza incredibile, era questo lo spirito del mio Milan”.

EVANI: “SENZA TONALI IL MILAN È CRESCIUTO, L’INTER È PRONTA…”

F. Galli e i giovani

Proprio l’ex difensore del Milan, con particolare occhio ai giovani, qualche giorno fa aveva parlato a Radio Rossonera:

“Come si gestisce Camarda? Non c’è una ricetta preconfezionata, credo si debba fare grande attenzione a tutto ciò che gli gira intorno. Osservarlo attentamente, conoscerlo e capire chi è il ragazzo. Bisogna aiutarlo a sostenere queste pressioni, ognuno di noi vive dentro sé momenti di gioia o di difficoltà: bisogna dargli equilibrio tutti, la famiglia, gli agenti o gli amici. È tutto il contesto che fa la differenza”.

Poi, sull’esordio di Bartesaghi in Milan-Verona:

“È giusto vivere delle emozioni per il suo debutto, è un ragazzo del settore giovanile. Il suo è un percorso molto lungo. Credo sia stata una giornata che non dimenticherà, ma speriamo avrà un seguito. Lo auguro ai milanisti e alla società. Speriamo di poter contare su di lui. Se mi è piaciuto? Ma sì dai, ha avuto coraggio, si è proposto…”.

“Io non sono uno scout, quel che ho vissuto nella mia esperienza è riuscire a notare nei ragazzi questa continua capacità di apprendere. C’è chi brucia le tappe e poi si ferma, ma essere efficaci nel gioco credo sia una delle caratteristiche che dobbiamo sottolineare in questo tipo di giocatori. Poi ne abbiamo visti tanti arrivare in fretta e non fare quella carriera che ci si aspettava. Ma non sempre la colpa è del ragazzo”.

ESCLUSIVA, GALLI: “CAMARDA, SALTO A UNA CONDIZIONE. LO CRESCEREI COSÌ”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

 ex milan

 

Ultime news

Notizie correlate