L’ex: “Milan, altro che calcoli! Un involuto e un non-sostituto”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

L’ex si esprime sul momento del Milan e sul percorso in Champions League: quante possibilità ha di passare il turno?

Passato, quasi da meteora, anche per il centro di Milanello, l’ex Milan Giampiero Maini ha vestito in Serie A anche le maglie di Parma, Ancona e Bologna, tra le altre. Ritiratosi ormai da quasi due decenni, dà un suo giudizio da opinionista nei programmi calcistici come TMW Radio, emittente che tratta diversi argomenti del nostro calcio e che coinvolge molti personaggi del passato recente. In un’intervista incentrata sul passaggio del turno di Champions League del Milan, l’ex Maini ha dato un quadro completo del difficile momento rossonero e un parere sul match di questa sera a San Siro.

L’EX MILAN: “PIOLI, CONTESTO IL CAMBIO! MA CERTE VITTORIE…”

Il mercato e il momento

Che considerazioni si possono fare sul momento del Milan?

“Il momento non è positivo e anche giocatori di personalità, come Theo, Leao e Pulisic, stanno attraversando un periodo difficile. La partita con il Paris Saint Germain può ridare autostima in un momento di evidente difficoltà”.

Come inquadra le ultime prestazioni del centrocampo e più in particolare di Reijnders?

“Per il centrocampo sarà importante il recupero di Loftus-Cheek, mentre Reijnders si è un po’ involuto. Quando i risultati vengono meno è più difficile riuscire ad emergere. Ora c’è bisogno di sostanza e di personalità per tornare ad essere protagonisti”.

Il Milan ha bisogno di qualche acquisto sul mercato?

“Servirebbe un altro attaccante come Giroud, perché il suo sostituto al momento non può essere Jovic. Serve un’alternanza di livello anche per far rifiatare il francese”.

“COLOMBO NO, OKAFOR E JOVIC SÌ?!”: IL GIORNALISTA ATTACCA

La Champions e le speranze

Guardando alla situazione del girone di Champions è possibile pensare ad un sacrificio dell’Europa per concentrarsi sul campionato?

“Secondo me no, perché fare dei calcoli in merito sarebbe da provinciale, cosa che il Milan non è. Contro il Paris Saint Germain serve una partita di personalità, per quanto il percorso ora sia molto difficile”.

Quante chance di qualificazione ha il Milan?

“In Europa ogni partita è una storia a sé, per cui credo che i giocatori importanti come Leao possano tornare a fare la differenza. Anche da parte di Theo e Pulisic mi aspetto l’atteggiamento giusto a partire da domani sera (oggi, ndr)”.

Appuntamento, dunque, a questa sera: alle ore 21 Milan e Paris Saint-Germain si sfideranno per la quarta importantissima giornata del girone F di Champions League. Da un lato la compagine francese, che vanta 6 punti in classifica, dall’altra i rossoneri, fanalino di coda a quota 2 punti. Dopo i tanti rammarichi delle prime due uscite con Newcastle e Dortmund e al netto della sconfitta dell’andata, oggi serve una vittoria per dare ai tifosi la speranza di passare il turno e accedere così ai quarti di finale. Questo pomeriggio, inoltre, in campo anche la Primavera in Youth League, alla ricerca dei 3 punti per salire a quota 9 in un girone con le stesse avversarie.

AL-KHELAIFI: “MILAN, GRANDE RISPETTO! PSG NUOVO, DONNARUMMA…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

ex milan

Ultime news

Notizie correlate