Europa League, Albertini: “Milan, rispettala! È costume tutto italiano…”

I più letti

Davide Giovanzana
Nato in provincia nel 1997, Laureato in scienze della comunicazione. Ho studiato e lavorato con un solo obiettivo nella testa, rendere una passione il mio lavoro: raccontare il Milan alla gente del Milan. Ho un debole per le storie difficili e per gli underdog in tutti gli sport

Albertini mette in guardia il tecnico e il Milan sull’Europa League: ecco perché è sbagliato considerarla una competizione di “prestigio relativo”

L’urna di Nyon ha decretato che nel playoff di Europa League, il Milan affronterà i francesi del Rennes. La retrocessione dalla Champions League alla seconda competizione UEFA è stata sicuramente una parentesi negativa della stagione rossonera, ma per l’ex centrocampista Demetrio Albertini non va considerato un trofeo “di prestigio relativo“.

“E’ compito di società e tecnico”

Di seguito, le valutazioni di Demetrio Albertini ai microfoni del Corriere della Sera sui sorteggi del Milan in Europa League:

EUROPA LEAGUE, DHORASOO: “MILAN, NEL RENNES OCCHIO A LUI! ECCO IL MIO PRONOSTICO”

INTER, NAPOLI, LAZIO: «Le spagnole sono sempre difficili da affrontare. Inter e Atletico Madrid hanno il cinquanta per cento di possibilità di passare il turno, al Barcellona, avversario del Napoli, attribuisco il 51 per cento. Troppo severo? Sì, ma sarà fondamentale considerare lo stato di forma in cui arriverà la squadra in primavera. Ora vola, ma a febbraio sarà ancora così? La sfida è apertissima: l’Atletico è una squadra esperta e il Cholo Simeone è preparato per notti del genere. Certo, ora l’Inter è fra le squadre che mostrano il miglior calcio in Europa e se si giocasse oggi sarebbe strafavorita ma ci andrei piano a sottovalutare Simeone. Napoli e Barcellona? È vero che i catalani non stanno attraversando uno dei momenti più brillanti della loro storia, ma per fortuna non possono sfruttare un grande vantaggio: per chi va a giocare al Camp Nou il campo sembra grande il doppio rispetto al normale, ma adesso lo stadio è in rifacimento e si andrà al Montjuic. I mesi che mancano alla ripresa delle coppe serviranno a Mazzarri per far ritrovare continuità alla squadra. Il Napoli ha valori, ma li deve dimostrare sempre. Finora ha avuto un percorso altalenante. Direi che è andata male alla Lazio, ha trovato il Bayern Monaco che ha una grande tradizione europea. Non dico che va in campo già sconfitta, ma di certo non recita il ruolo della favorita. La squadra di Sarri deve andare in campo accompagnata dalla consapevolezza di dover soffrire per 180 minuti cercando di sfruttare le occasioni che i tedeschi concederanno»

EUROPA LEAGUE, MILAN E ROMA: «Milan-Rennes? Devono essere società e tecnico a trasmettere ai giocatori il rispetto per le gare di Europa League. È un trofeo importante, è un costume tutto italiano considerarlo di prestigio relativo. Roma-Feyenoord? Intanto i giallorossi, viste le recenti esperienze, hanno dimostrato che l’Europa League e la Conference sono obiettivi più che dignitosi e in grado di dare un senso alla stagione. Dipende tutto da Mourinho e dalla sua squadra. Come per il Milan: la qualificazione dipende da se stessi, mica solamente dal peso degli avversari».

MILAN, QUANTO VALE L’EUROPA LEAGUE? LE PERDITE RISPETTO AL 2022/2023

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate