il 06/07/2023 alle 21:38

ESCLUSIVA, Pellegatti: “Più Scamacca di Morata, ma occhio a questa variabile impazzita”

0 cuori rossoneri

Nel consueto appuntamento con Filo Rossonero, Carlo Pellegatti è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni. Questa sera, Pellegatti ha fatto il punto sulle ultime trattative di mercato del Milan, specie sull’attaccante del futuro rossonero.

Esclusiva Carlo Pellegatti 1

La prima domanda di oggi è su Christian Pulisic, perché il nome più caldo. È il più vicino in questo momento?

“Sembrerebbe di sì. Da quello che mi han detto ieri sera, anche se non il Milan, mi han detto che dovrebbe essere fatta. Poi io oso sempre sbilanciarmi se mi dicono così. Credo che sia così, che arrivi prima o dopo prima del raduno questo non lo so. A me hanno detto che è fatta, è praticamente fatta. Quindi si tratterà forse di limare qualche dettaglio. Però sinceramente io mi auguro che possa arrivare prima del raduno. Mancano ancora quattro giorni, le visite mediche si possono fare anche la domenica se si vogliono fare. Mi auguro che Pulisic sia il primo e non credo che sia lontano Reijnders.

Ho saputo che è il giocatore voluto da Pioli. Cioè: Pioli si è speso e ha, tra virgolette, preteso l’acquisto di Reijnders, che vede come giocatore ideale per il suo Milan. Mi piace molto questa idea di un Pioli che si impunta su un giocatore. Non che gli anni scorsi si sia o no impuntato, però…  Proprio Reynders e Pulisic sono i prossimi due. Non vedo lontanissimo Musah, ma questa è una mia sensazione. Vedo più complicato l’attaccante e la fascia destra. O meglio, meno immediato.

Sulle parole del presidente del Villarreal in merito a Samuel Chukwueze (QUI), Pellegatti commenta così:

“È un giocatore importante. Il presidente non è stato gradevole in questa uscita grossier. Però attenzione, perché il Milan ha sempre una via alternativa extracomunitaria che a me piace molto. Occhio a Sinisterra, anche se non se ne parla”.

È vero dell’interesse per Dia? E cosa ti risulta di questo scambio paventato Scammacca-Origi?

“Sullo scambio a me non risulta niente. Ho sentito ieri Luca Marchetti a Sky Spor, però Gianluca Di Marzio mi pare sia andato un po’ più su Morata, a dimostrazione che la situazione è un po’ magmatica per quello che riguarda il discorso attaccante. La notizia, o indiscrezione, o ipotesi,  che ho avuto ieri è che il Milan starebbe virando più su Scamacca. In prestito, magari. Piuttosto che su Morata. Ma c’è anche un altro nome che è Taremi. Il giocatore è iraniano e quindi extracomunitario, non dobbiamo dimenticarlo. È del Porto e piace al Milan. Potrebbe la variabile impazzita in questo finale di trattativa per l’attaccante. Non direi di tenerlo in prima linea, però di tenerlo in considerazione sì. Sinisterra e Taremi sono i due giocatori che eventualmente possono essere le sorprese dell’ultima ora, mettiamola così.

Su Dia non lo so. C’è una clausola di 25 milioni di euro. Ma tra Dia e Morata, sinceramente, come caratura e non bravura perché certamente più esperto e più abituato a giocare a certi livelli… Non lo dico per mancare di rispetto a Dia”.

Ma per Scammacca si potrebbe ottenere anche un prestito? Pellegatti:

“Vedi un Milan che mette 35/40 milioni? No, infatti. Ma mi stupisce più che il West Ham gli permetta di andare in prestito. Tutto lì. Il Milan ha provato lo scambio, così han detto. La differenza tra Morata e Scamacca è che l’ex Sassuolo è italiano e Morata no. L’altro fattore a favore di Scammacca è il discorso relativo all’età. La proprietà tra un ragazzo di 23 e uno di 30 tende ad andare più giù”.

Per Morata la difficoltà principale qual è? Ieri si è parlato anche di un’offerta importante per lui dall’Arabia…

“Secondo me, è una trattativa tutta da costruire. Non si sa la clausola rescissoria: ancora oggi uno dice 10-12 e l’altro 25. Poi non si sa quanto percepirà. Ci sono troppe variabili e diciamo elementi sconosciuti, per cui noi possiamo dire uno è più favorito dell’altro. Mentre per Pulisic e Reijnders sappiamo e Musah abbozziamo, per Morata ci sono troppi punti interrogativi per questa trattativa”.

La forbice in effetti è ampia… Pellegatti:

“Io continuo a dirlo: a me, che l’Atletico Madrid abbia una clausola di 10, mi sembra un pochino strano. Fai prima a non metterla la clausola. È un giocatore che vale dai 20 ai 30 milioni. È sicuro sempre, magari più 30 che 20. È uno dei 10 o 15 centravanti più forti d’Europa se metti insieme esperienza, gol fatti, intelligenza e fisicità. Non sarà Haaland, però è un giocatore che ha tante qualità”.

Tornando a Reijnders: per chiudere è più probabile che l’AZ Alkmaar abbassi le sue pretese o che il Milan faccia uno sforzo?

“In questi casi qua succede che le parti si incontrano. Per Pulisic e Reijnders praticamente ballano 3/4 milioni. Sono tanti e il Milan cerca di risparmiarli, la l’Az cerca di portarli a casa…”.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Esclusiva Carlo Pellegatti 1
Photocredits: Radio Rossonera

NOTIZIE MILAN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *