ESCLUSIVA – Pellegatti: “Kessié? Mi dispiace non gli interessi la carriera”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Ultimo appuntamento della settimana con Filo Rossonero. Oggi, a Radio Rossonera Carlo Pellegatti ha affrontato tre argomenti: il rinnovo di Leao, la stagione di Kessié e il recupero di Maignan.

GUARDA QUI L’INTERA PUNTATA DI FILO ROSSONERO

L’offerta che farà il Milan basterà a convincere Rafa? “Va studiata bene. Il Milan non offre solo 5 milioni fino al 2027, ma anche 10 milioni per azzerare il debito di Leao con lo Sporting. Tutto questo perché il giocatore chiuda quella questione. Il Milan darebbe quei 10 milioni spalmati nei 5 anni, e quindi, in pratica, è come se gliene offrisse 7 all’anno. Un’offerta molto importante. Se poi l’avvocato di Leao vuole 7 milioni più il pagamento della cifra da dare allo Sporting Lisbona, allora questo sarebbe legittimo rifiutarlo. Bisogna anche vedere se il portoghese abbia altre offerte o altro. A me l’avvocato sembra uno che cura il contenzioso e il rinnovo, non credo che abbia girato il mondo a cercare offerte, non è nelle sue corde. Fino al 2024 Jorge Mendes è stato messo da parte, le attenzioni di Leao le curerà l’avvocato”.

LEGGI QUI LE PAROLE DI INSIGNE SULLA LOTTA SCUDETTO

Ma, in questo momento, chi ha più potere tra i due? “Non conosciamo le pieghe di questa cosa, però il fatto che venga l’avvocato francese e non Mendes… Non benissimo per il procuratore. Raiola non mandava l’avvocato Rigo a fare le trattative, eventualmente c’era anche lui per i risvolti legali. I tifosi devono solo sperare che ci sia la volontà da parte del giocatore. Una volontà che in questo momento non ha Bennacer. Su Leao possono esserci solo PSG e Chelsea, che ha già preso Nkunku, altre non credo. Poi, se vuole andare nel caos che c’è negli spogliatoi del Paris Saint-Germain, dal quale non si riesce a uscire, o ai Blues che non hanno una grande tradizione, allora andrà in una squadra ricca che in questo momento va bene. Se fossi Leao andrei a Madrid o allo United, in quelle squadre mondiali. Anche il City è una squadra senza storia, i giocatori forti devono puntare a quello, non devono andare tanto per farlo.

Ieri abbiamo visto Kessié entrare terzino e giocare dieci minuti, se a lui va bene così… Poi ognuno è libero, ma mi dispiace per lui. Mi dispiace che non gli interessi la carriera. È in una squadra mediocre come il Barcellona di quest’anno, che ha lasciato ad una buona Inter 47 contropiedi”.

Quali sono le ultime sul recupero di Maignan? “Mi hanno detto i miei amici di Tuttosport che lui debba fare oggi o domani l’esame per il via libera. Se la lesione è guarita inizierà da venerdì ad accelerare. Speriamo faccia in tempo per Monza e va bene così, poi c’è la Dinamo Zagabria”.

Segui la nostra pagina Facebook per sapere tutto quello che succede nel mondo Milan!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

 

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate