ESCLUSIVA, Pellegatti: “Pioli, il dopo Giroud potresti averlo in casa! Di Chukwueze sottolineo…”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Pellegatti tra Chukwueze, Leao e le uscite: le sue dichiarazioni esclusive

Intervenuto sul canale Youtube di Radio Rossonera, Carlo Pellegatti ha toccato anche oggi diversi argomenti. Di seguito, le sue dichiarazioni a Filo Rossonero.

La bella storia e la star

Dopo la calda accoglienza, tra Samuel Chukwueze e il Milan è iniziata una bella storia? 

“Sì, dovrebbe. E sarà bellissima dopo le sue imprese in campo. Vorrei sottolineare quanto è sembrato disponibile al suo arrivo, di solito salgono in macchina e se ne vanno. La partenza è veramente bella sul piano dell’umanità e dell’atmosfera. Abbiamo due giocatori con il sorriso da una parte e dall’altra. Uno sta maturando come uomo e sta prendendo coscienza di essere un giocatore importante, e sto parlando di Leao. Potremmo veramente avere un gran bel Milan, siamo ottimisti: non ciecamente e scioccamente. Mi sembra che abbiamo messo dentro tante belle persone”.

Leao, comunque, sarà ancora la star:

“Ieri non è che mi abbiano detto e neanche mi hanno sussurrato, però qualcosina… Forse il salto di qualità tecnico di Leao, e magari bisogna vedere la sua disponibilità e la voglia di Pioli di provarlo, attenzione: un attacco Chukwueze-Leao-Pulisic… Se imparasse a saltare l’uomo e tirare con fiuto del gol dei grandi centravanti (e può affinarlo), non sarebbe solo il giocatore che va via irresistibilmente sulla fascia. E quindi potrebbe essere veramente un giocatore che, paragoniamolo pure: quella roba di Mbappé ce l’hanno solo lui e Leao… Non c’è niente da fare”.

Poi, Pellegatti continua: 

“È un Milan che, ci sbilanciamo, è una bella squadra. E ripeto, se gli facesse fare qualche allenamento… Avere Leao là davanti già come dopo Giroud bravo come sulle fasce vuol dire avere il centravanti più forte del mondo. Non voglio insistere su questo tema, godiamocelo sulla fascia. Parlo solo di miglioramento qualitativo, di personalità e di fama”.

Questioni di campo e di mercato

Contro la Juventus con i titolari?

“Sì, la formazione sarà con la difesa formata da Maignan, Calabria, Tomori, Thiaw e Theo. A destra Loftus-Cheek, in mezzo Krunic e a sinistra Reijnders. Davanti Pulisic, Giroud e Leao”.

Sui ballottaggi sulla fascia destra:

“Oggi le partite finiscono al 100′, come diceva qualcuno. Quindi avere la possibilità di mettere un giocatore al 60′ vuol dire far giocare un tempo a testa. Ma è un quesito che lascio volentieri all’allenatore, perché è bravo a scegliere”.

Quando potremo vedere anche Musah a Casa Milan?

“Più avanti. Da quel che so io, se arrivasse un giocatore sarei sorpreso. Oggi è uscita la notizia che il Milan starebbe cercando un playmaker: a me non risulta”.

Ancora Pellegatti:

“Giorgio Furlani è tornato a Milano, mi sembra ieri sera. Anche noi avevamo dei dubbi, il calcio è particolare. Ma lui ci sta sorprendendo, anche perché ha iniziato a dicembre”.

Chiude su Rebic:

“Fino a quando non lo vedo uscire, non ci credo”.

ARTICOLI CORRELATI
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!
Iscriviti al nostro canale Youtube per non perderti tutte le nostre dirette e i contenuti esclusivi!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

pellegatti esclusiva

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate