ESCLUSIVA – Pellegatti: “Atalanta-Milan affascinante. Leao? Spero non sia convocato”

I più letti

Giacomo Mirandola
Residente in un paesino in provincia di Novara, nasce a Gallarate il 21 dicembre 1998, poche ore dopo Kylian Mbappé, con cui condivide la passione ma non il talento. Diplomato al liceo scientifico e laureato in Scienze della Comunicazione, la sua vita, alla costante ricerca di emozioni, lo ha portato a conoscere e ad appassionarsi a quasi tutti gli sport praticati sul pianeta. Giornalista, speaker e audiodescrittore all'occorrenza, fa questo lavoro per esigenza, non per scelta. Un solo obiettivo: trasmettere agli altri anche solo un parte delle emozioni che lo sport gli sa regalare ogni giorno.

Carlo Pellegatti è intevenuto in esclusiva ai nostri microfoni per parlare di Atalanta-Milan, di Leao e di Ibrahimovic

Nel corso del consueto appuntamento con Filo Rossonero, Carlo Pellegatti è intervenuto in esclusiva ai nostri microfoni. Tanti i temi toccati nella puntata odierna, dalla sfida tra Atalanta e Milan del prossimo sabato ai rientri di Leao e Kjaer, dal rinnovo di Maignan a Zlatan Ibrahimovic.

ATALANTA-MILAN, LA SFIDA DEGLI INFORTUNI. PERCASSI: “SIAMO IN DIFFICOLTÀ”

Le parole di Carlo Pellegatti

Su Atalanta-Milan: “Sabato a Bergamo partita difficile, ma affascinante. Il Milan non può permettersi di pensare all’impegno ancora più fondamentale contro il Newcastle perchè deve concentrarsi su un partita difficile come quella contro l’Atalanta, che ti mette sempre in difficoltà. Da ciò che so loro non stanno benissimo sul piano fisico, hanno alcuni infortunati. L’Europa League è senza dubbio affascinante, ma quelle parttie al giovedì sera sono micidiali. Il Milan deve approfittare di questo momento di difficoltà. Ma rimane sempre una partita molto difficile”.

Su Leao: “Io sono più cauto. Oggi ancora personalizzato, domani dovrebbe andare in gruppo. Io spero che oggi si sia allenato bene ma non così bene da tornare in gruppo domani. Così può continuare a lavorare con calma e il Milan può riaverlo o in panchina o dal primo minuto contro il Newcastle. 2 o 3 allenamenti e buttarlo in partita personalmente spero di no”.

Su Kjaer e Okafor: “Okafor dicono che potrebbe rientrare con il Monza. Per Kjaer invece spero rubi una panchina con il Newcastle. Non so bene la situazione di Sportiello. Ma credo possa rientrare entro la fine dell’anno”.

ATALANTA-MILAN, LA SCELTA AL VAR FA DISCUTERE: DOPO NAPOLI-INTER…

Sul rinnovo di Maignan: “Confermo che la richiesta degli agenti è a partire da 8 milioni, cifra per me giusta. Maignan è uno tra i primi 3, 4 o 5 al mondo. E i suoi concorrenti nella corsa al migliore al mondo percepiscono tutti queste cifre molto alte. Sarebbe giusto nel suo ultimo contratto dargli queste cifre. Altrimenti che si inizi a valutare la cessione. Ma bisogna decidere subito, non tirare per le lunghe. Il ruolo è troppo delicato, è un personaggio particolare”.

Su Investcorp: “Non ci sono cose ufficiali, ma trapela che non sia vero questo incontro con Investcorp. Ma questo non vuol dire che Cardinale non stia cercando degli investitori in quel mondo. Fa parte del suo mestiere, di quello che fa un fondo di investimento”.

Su Zlatan Ibrahimovic: “Prima andava allo stadio sotto con i giocatori, adesso va sempre in tribuna con i dirigenti. Continuano a dire che entro Natale arriverà, e io ne sono straconvinto. Ma non riesco proprio a capire perchè non sia già arrivato. Non so se dipenda da lui, ma dopo 7 colloqui non credo ci saranno ancora dubbi. Sinceramente non ho la più pallida idea”.

ATALANTA-MILAN TRA INFORTUNI E RECUPERI: SARÀ CDK-LEAO?

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate