ESCLUSIVA, Longo: “Milan, si cambia strategie: la prossima stagione segnerà un distacco”

I più letti

Giacomo Todisco
Nato a Milano nel 1998, muove i primi passi nel mondo del giornalismo all' età di 20 anni. Con esperienza in campo sportivo in generale, sfrutta la sua passione per informarsi su gran parte del panorama calcistico. Appassionato di Premier League e Liga spagnola. Tifoso del Milan da sempre.

Torna finalmente Maignan, oggi tutto in gruppo. Mentre per Bennacer ancora non ci siamo. Le ultime di calciomercato e Milanello con Daniele Longo di Calciomercato.com.

GUARDA QUI L’INTERA PUNTATA DEL TALK DI RADIO ROSSONERA CON DANIELE LONGO

Maignan lo rivediamo con l’Atalanta? “La notizia che oggi abbia svolto tutta la seduta in gruppo è certamente un segnale dopo mesi di incertezze e spifferi. Io non so se sarà già pronto con l’Atalanta: da quel che abbiamo capito il Milan è molto prudente e quindi sceglierà in prossimità della sfida. Sappiamo che Mike caratterialmente è uno che tornerebbe domani, ha una gran voglia e ha sofferto tanto per la sua assenza. La prudenza porterebbe, comunque, ad aspettare un’altra settimana fatta bene. Ma questa è una scelta che faranno Pioli e il giocatore”.

Su Bennacer, invece, Longo la pensa così: “Io credo si stia cercando di lavorare per averlo a disposizione contro il Tottenham. Credo sia l’8 marzo la data cerchiata in rosso. Allo stesso tempo, penso sia molto molto difficile vederlo già contro la Fiorentina. Il Milan con questo modulo, che a me non piace, potrebbe anche giocare con il doppio mediano”.

In merito a quanto scritto dalla Gazzetta dello Sport questa mattina, c’è qualcuno che potrebbe anche essere venduto per plusvalenza? “Io credo cambierà qualcosa a livello di strategie per la dirigenza rossonera sul mercato. Probabilmente Massara e Maldini si aspettavano maggiori possibilità economiche poi da investire in entrata. Invece hanno capito che tutto passerà e deve passare dalle uscite. Ci sarà particolare attenzione secondo me, specie nella prima parte dell’estate, verso gli elementi che possono essere in uscita. La liquidità raggiunta con le cessioni sarà aggiunta al budget che sarà più o meno sempre lo stesso, immagino. Con la Champions League sarà di 45 o 50 milioni per andare anche su obiettivi diversi. Ci sono giocatori che da diverso tempo sono in uscita. Rebic doveva essere una risorsa ma non lo è mai stato. Origi oggettivamente ha deluso.

Chiaramente se dovesse arrivare un’offerta il Milan la prenderà in considerazione per fare una plusvalenza totale. Ma non credo che il belga abbia tutta questa voglia di lasciare il Milan dopo una stagione. Però Origi guadagna anche tanto… Questo potrebbe influire”.

Poi, su Yacine Adli Daniele Longo spiega: “Io non sono così convinto che per Adli i rossoneri stiano pensando solo a una soluzione in prestito. Se arrivasse un’offerta interessante a titolo definitivo probabilmente la prenderanno in considerazione. Non perché sia stato bocciato il giocatore, ma perché mi sembra evidente che Adli non piaccia a Pioli. Non verranno riscattati Vranckx e Dest”.

Sui due prestiti, continua: “Ormai siamo arrivati a un punto della stagione che, se i giudizi non sono definitivi, siamo a tre quarti. Se Vranckx non ha mai iniziato una gara da titolare e se gli viene preferito un giocatore (Bakayoko, ndr) che l’ultima volta che è sceso in campo il Milan non aveva nemmeno in testa di vincere lo Scudetto… Allora non rientra nei piani”.

Sulle strategie di mercato, ancora: “La prossima stagione penso cambierà molto. Segnerà un distacco da quello che era il vecchio Milan con quello che nascerà. Probabilmente anche con valutazioni diverse dalla scorsa estate. Sicuramente tante operazioni in uscita”.

Cosa ci dici, invece, su Mauro Icardi? “So che il Milan l’anno prossimo cerca un attaccante alla Icardi, un vero numero 9. Icardi potrebbe essere un’opportunità… So che 18 mesi fa era stata bocciata l’ipotesi dalla proprietà, che ora è più o meno la stessa. La società credo non sia così convinta di andare su di lui. Va detto, però, che gli intermediari che lavorano da tempo con i suoi agenti hanno un ottimo rapporto con il Milan. Al momento non c’è nulla, ma non scarterei l’ipotesi. So che lui vuole tornare in Italia e che piace a Maldini e Massara”.

Infine, Longo chiude su Okafor: “I contatti stanno andando avanti nelle ultime settimane, ma non so se il Milan l’ha individuato come attaccante centrale… I feedback che mi danno gli scout del Milan è che dà il meglio di sé in campo aperto”.

Segui la nostra pagina Facebook per non perderti nulla di quello che succede nel mondo Milan!

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Esclusiva Longo

LASCIA UNA RISPOSTA:

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultime news

Notizie correlate