ESCLUSIVA, Amelia: “Maignan? Impressionante, Ibrahimovic mi ha detto…”

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

L’ex Milan, Marco Amelia, è intervenuto in esclusiva: il colloquio privato con Ibrahimovic e i valori di Maignan

Il Milan ha un assoluto fenomeno tra i pali e a confermarcelo è Marco Amelia: Maignan ha due aspetti fondamentali che lo rendono superiore alla maggior parte degli altri numero uno europei. La prestazione del portierone francese è stata solo una delle tante in un Milan in grande rispolvero contro il Psg. Un calcio alla crisi, nella speranza che i giorni che ci attendono siano migliori di quelli che li hanno preceduti, almeno fino a martedì sera. In questo senso, il ritorno di Ibrahimovic potrebbe giocare a nostro favore nella creazione di un ambiente ancora più unito e determinato a raggiungere l’obiettivo.

FISICO, TECNICA E LEADERSHIP: 4 EX PORTIERI DEL MILAN ESALTANO MAIGNAN

Rinascere dalle ceneri

Vincere in questo modo contro una squadra forte come il PSG è fondamentale per recuperare la fiducia persa dopo le brutte prestazioni delle settimane passate. Oltre a Maignan e Ibrahimovic, infatti, c’è una prestazione del Milan da vedere e rivedere. Secondo Amelia: “Vedendo il Milan nelle ultime partite, l’ho visto deciso a passare questo girone, che è il più difficile di tutti. Sono tutte squadre forti e sono squadre che hanno messo in difficoltà la squadra di Pioli. I rossoneri hanno dato una risposta importante dopo la sconfitta con l’Udinese. Ora c’è speranza per il passaggio del turno”. Un passaggio del turno che appare comunque complesso, ma perlomeno possibile. La testa ora, deve andare alla grande sfida con il Borussia Dortmund, che potrebbe valere moltissimo in ottica ottavi.

HA GIA’ IN TESTA LE AREE: IBRAHIMOVIC E IL MERCATO DEL MILAN

Amelia tra Ibrahimovic e Maignan, leader del presente e del futuro

Marco Amelia, in esclusiva ai microfoni di Radio Rossonera, ha parlato anche di Ibrahimovic e Maignan. Il secondo, leader della difesa del Milan e presente rossonero; il primo, leader del passato e, forse, dirigente del futuro. “Ho parlato con Ibra qualche giorno fa, io credo che possa portare solo qualcosa di positivo, con il suo atteggiamento e le sue parole. Non riesco a capirne ancora il ruolo, però lui può supportare la squadra con il suo carattere e insegnare l’atteggiamento. Un occhio anche al settore giovanile, trasmettere ai giovani l’ambizione di indossare la maglia della prima squadra. In quell’incontro ho visto un Zlatan molto carico, dentro è ancora un giocatore. Motivato e vuole dare ancora qualcosa al calcio. Vuole donare la sua esperienza. In questi mesi ha riflettuto molto”. Infine, una parola su Mike Maignan: “Il gioco con i piedi è impressionante, fa passaggi determinanti, anche palloni medio lunghi. Il resto è l’atteggiamento, trasmette sicurezza a tutti, l’ambiente quando c’è Mike è sereno. Questi valori ce li hanno solo i campioni e lui lo è. Non sono tanti i portieri di quel livello. Ha una presenza che sentono anche gli avversari, incute timore”. Il presente è Maignan, il futuro è anche Ibrahimovic. Un calcio alla crisi, il Milan deve recuperare i punti persi.

IBRAHIMOVIC – MILAN, PASSERINI: “DEVE DECIDERE LUI! MA PIOLI…”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

amelia maignan ibrahimovic

Ultime news

Notizie correlate