Tag Archives

4 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

Milan, Commisso prova l’accelerazione: trattativa con Li riaperta. C’è il via libera di Elliott

Milan, Commisso prova l’accelerazione: trattativa con Li riaperta. C’è il via libera di Elliott

MILAN, COMMISSO PROVA L’ACCELERAZIONE – Come vi avevamo anticipato ieri sera, le trattative tra Commisso e Yonghong Li , dopo la “mossa” dello “stop”, hanno ritrovato il “go”.

Infatti, ieri emissari dell’attuale presidente del Milan hanno ripreso i contatti con Goldman Sachs e con Rocco Commisso, per riaprire una trattativa che agli occhi di molti sembrava chiusa. Nelle ultime ore si sono intensificati i contatti tra Li e l’italo americano, il presidente cinese ha dato l’ok a risedersi al tavolo e proprio mentre in Italia il Milan prepara l’acquisto di Halilovic, dall’altra parte del mondo Rocco Commisso prova l’accelerazione.

La ripartenza della trattativa lascerebbe pensare che l’offerta vecchia sia stata modificata (copertura debiti, iniettare denaro nelle casse del Milan e 30% a Li), la novità che abbiamo appreso è che, a differenza di quanto si diceva, ci sarebbe anche il “via libera” e l’ok del fondo Elliott che sarebbe soddisfatto dell’eventuale passaggio di mano. Va chiarito che non stiamo parlando di una cessione “immediata”, ma di un’eventuale firma di una lettera di intenti:praticamente un preliminare vincolante, con possibili penali.

Rocco Commisso non cambierebbe l’attuale management, ma non escludiamo che possa inserire qualche suo uomo all’interno dei quadri dirigenziali, la certezza è che fa sul serio e Yonghong Li starebbe iniziando a vacillare, anche se abbiamo ormai imparato bene che non si può assolutamente dare nulla per scontato.

PBP

Posted by Redazione Rossonera on

Milan-Li: la mossa di Commisso, l’azzardo del presidente, la strategia. E i Ricketts?

Milan-Li: la mossa di Commisso, l’azzardo del presidente, la strategia. E i Ricketts?

MILAN-LI: È diventata una partita a scacchi, esatto, è proprio così. Da brividi pensare che venga giocata sulla pelle del Milan, ma è la realtà dei fatti.

La situazione è questa. Rocco Commisso dopo giorni di trattativa, mette sul tavolo la sua offerta finaleYonghong Li ringrazia e si alza dal tavolo. Assurdo? Certamente, ma anche reale. Credo però che ogni notizia, ogni spiffero, ogni situazione vada affrontata e studiata con estrema lucidità e logica, solo così ci si può fare un quadro veritiero della situazione.

La notizia mi giunge in nottata, come un mattone. Dura da metabolizzare, perché già mettevo in conto quali sarebbero state le reazioni, ma il compito è di raccontare la verità: per la seconda volta dall’inizio della trattativa, Mr Li si alza dal tavolo al momento di firmare la lettera di intenti. Grande stupore e disappunto da parte di Mr. Commisso, che è convinto di essere in grado di poter risollevare il Milan forte di un patrimonio importante e di una conoscenza del mondo del calcio, inoltre la convinzione dell’americano è che il risultato a Nyon, con lui in carica, sarebbe stato differente.

Tra l’altro l’offerta consentiva a Yonghong Li di restare in minoranza (si parla di un 20/30%) ed avrebbe iniettato nelle casse del club 150 milioni per gestione e mercato. Inoltre l’offerta prevedeva il pagamento del debito e ovviamente negli intenti dell’italo-americano c’era anche il nuovo stadio. E invece Yonghong Li si tira indietro, l’offerta non lo soddisfa e continua a rischiare. La risposta di Commisso? Stop alle trattative.

Parliamoci chiaro, è molto probabilmente una mossa strategica quella dell’americano per poter mettere pressione a mister Li anche in vista della sentenza Uefa, ma la situazione è complicata e soprattutto è una partita che si gioca sulla pelle rossonera.

Da ambienti vicini a Li Yonghong invece, la notizia è una: i 32 milioni ci sono. Certo, non li ho visti, chiaro, ma la notizia è questa. Perché non li ha messi subito? Potrebbe aver voluto dimostrare la famosa “continuità aziendale“, qualcosa del tipo “vedi? non metto i soldi, ma la macchina va avanti lo stesso”. Forte di questi 32 milioni, pronto a versarli nelle casse di Eliott, il presidente cinese affronta di petto ogni trattativa, senza paura. Come un vero giocatore di poker, lasciando il dubbio a tutti se stia bluffando o se abbia in mano realmente qualcosa.

E i Ricketts? Attendono, preparano l’eventuale contromossa e sarebbero pronti a fare un’offerta. Ricordiamo che sono gli unici ad essersi esposti  e che – probabilmente – potrebbero sapere fin dove l’offerta di Commisso possa spingersi (I 500 mln destinati alla NASL..?). Si vocifera anche che siano presenti loro emissari a Milano, ma non ho conferme di ciò. Intanto, la trattativa con Commisso viene definita “Saltata”, tutto va preso con le pinze, come già detto molto probabilmente è una mossa per fare pressione e la palla viene ributtata nel campo di Li, ma il tempo stringe, la situazione non è bella e serve una soluzione per il bene del Milan. Ecco, forse questo è quello che in troppi si stanno dimenticando completamente: il bene del MILAN!

PBP

Posted by Redazione Rossonera on

Milan China: introiti, incontri e trattative tra presente e futuro

Milan China: introiti, incontri e trattative tra presente e futuro

MILAN-CHINA – Purtroppo, per ora, Milan China non ha portato i risultati sperati. I circa 30 milioni di euro di introiti previsti sono diventati 5 al massimo, decisamente poca roba. La burocrazia è stato il primo grande ostacolo per lo sviluppo della company, infatti per la sola creazione della società e del team di lavoro ci sono voluti mesi.

COS’ È MILAN CHINA E COME È STATA COSTRUITA

Innanzitutto, Milan China opera tramite la holding “Rossoneri Sport Development Pechino LTD” con sede proprio nella capitale della Repubblica Cinese (indirizzo: distretto Chaoyang, Beijiing, East Third Ring Road, Building 34 e capitale sociale 350k).


Non tutti sanno che Milan China è una company interamente di proprietà dell’AC Milan, come lo sono Milan Real Estate e Milan Entertainment e che il rappresentante legale e D.G. è David Han Li.

Nell’organigramma societario troviamo il responsabile commerciale dell’ AC Milan Lorenzo Giorgetti, Marco Fassone, l’avvocato Cappelli (Studio Gop) e Zhang Wei, avvocato e collaboratore del presidente Li Yonghong. Per ora Milan China ha siglato partnership con V Win e con Alpenwater oltre ad un accordo chiuso con la China Next Generation, fondazione per lo sviluppo dello sport nelle scuole della Cina.

INCONTRI, TRATTATIVE E COOPERAZIONI

Qualche mese addietro c’è stato un incontro tra alcuni rappresentanti della Rossoneri Pechino Sport ed il sindaco (e segretario del partito) del distretto di Wuhou della provincia del Sichuan. Si sarebbe discusso di nuove prospettive di sviluppo, della possibile espansione del marchio Milan China e di nuovi investimenti.

Nel mese di maggio c’è stato un appuntamento tra i dirigenti di Milan China, capeggiati dal direttore generale Zhang Wei ed una delegazione guidata dal presidente della Mixi Lake Investment (www.csmxh.com), società fondata nel 2009 a controllo statale; oggetto dell’incontro, la ricerca di un accordo di cooperazione per la costruzione di nuove strutture sportive.

Sempre nel mese scorso Milan China sigla la partnership con la squadra cinese del Guizhou Hengfeng, club che milita (per ora con poca fortuna) nella massima serie cinese. La partnership è stata voluta fortemente dal presidente Li Yonghong e dalla presidentessa Ms Wen Xiaoting, figlia del presidente della società Guizhou Zhicheng Enterprise GRoup Invevestment co. Ltd, che abbiamo conosciuto durante la conferenza stampa di presentazione del progetto avvenuta presso Casa Milan.

E il futuro di Milan China? Magari qualcosa bolle in pentola per le prossime settimane e noi – nel caso – saremo in prima linea per raccontarvelo.

Aggiornamento delle ore 20:11 – Altra piccola curiosità per quel che riguarda Milan China: abbiamo scoperto che Marcus Kam non è più il Chief Executive Officer di Milan China da dicembre 2017.

PBP & SALVATORE LIUZZO

Posted by Redazione Rossonera on

Lettera aperta dell’APA al presidente Li Yonghong

Lettera aperta dell’APA al presidente Li Yonghong

LETTERA APERTA
DELL’ASSOCIAZIONE PICCOLI AZIONISTI DI A.C. MILAN
AL PRESIDENTE LI YONGHONG

Milano, 28 maggio 2018

 

Egregio Presidente,

 

i Piccoli Azionisti dell’A.C. Milan cercano di assolvere nel Club una funzione speciale: portare all’interno degli Organi Sociali l’attenzione, i sentimenti, le speranze e le preoccupazioni dei supporter più avveduti.
Essere, insomma, i portavoce dei “veri proprietari” del Milan.

Già lo scorso anno, mentre le operazioni per la cessione del pacchetto di maggioranza della Società avanzavano a stento, e ciò lasciava il Milan nell’incertezza sul suo futuro, indirizzammo una lettera aperta a Lei e alla Fininvest, invitandovi a concludere in tempi brevi, o a interrompere definitivamente, un processo troppo lungo, che danneggiava innanzitutto il nostro Club e frustrava le aspettative dei tifosi di rivedere il Milan tornare presto ai vertici del calcio.

Avvenuto infine il passaggio di proprietà, abbiamo sostenuto con fiducia i primi passi del nuovo management che si è confrontato senza remore su un progetto economico e sportivo che ci è sembrato trasparente e convincente.

Le inevitabili difficoltà nella sua attuazione sono state però enfatizzate, sin da subito, dalle incertezze sulle disponibilità economico-finanziarie dell’azionista di maggioranza. E dalla perdurante incertezza sul rifinanziamento del debito della Sua holding, contratto per saldare il prezzo dell’acquisizione, a garanzia del quale è stato dato in pegno al fondo Elliot l’intero pacchetto azionario di controllo dell’A.C. Milan.

E’ peraltro evidente che tale incertezza si ripercuota inevitabilmente sul credito del quale gode la Società, debitrice dello stesso fondo in modo tanto intersecato con il credito concesso all’azionista di maggioranza, da rendere sostanzialmente impossibile che le due posizioni – per quanto concettualmente distinte – possano essere definite separatamente.

Tale situazione è oggi aggravata dalle decisioni che l’UEFA ha già assunto – e rischia di assumere ancora – con riguardo alle violazioni delle regole del Financial Fair Play che il Club ha compiuto prima della cessione.

Sappiamo perfettamente che l’atteggiamento del UEFA è stato severo oltre ogni effettiva norma e oltre ogni suo precedente: confidiamo dunque che le difese della Società possano evitare in sede giurisdizionale sanzioni ingiuste e sproporzionate.
E dobbiamo anche dare atto che la Sua holding ha finora regolarmente provveduto a sostenere finanziariamente la Società; e ciò in termini rilevanti.

Tuttavia, ci preme sottolineare che l’incertezza sul rifinanziamento del debito contratto con Elliot – se anche non fosse stata subito rilevata dal UEFA, a torto o a ragione, come elemento decisivo per negare il richiesto Settlement Agreement – è comunque un nodo da sciogliere entro brevissimo tempo.

Pena, diversamente, una crisi della governance societaria, il sostanziale annullamento dei miglioramenti del conto economico già registrati dalla nostra Società, giuste le anticipazioni rilasciate dall’AD Marco Fassone sul significativo incremento dell’EBITDA dell’esercizio in corso, e dell’effettivo quanto inespresso valore di un parco giocatori coraggiosamente rinnovato (ancorché da migliorare ancora).

Il tempo è purtroppo scaduto, Signor Presidente.
UEFA o no, i supporter del Milan hanno bisogno di sapere immediatamente se la Sua holding è in grado sia di rifinanziare senza ulteriori esitazioni il debito con il fondo Elliot, come richiedono le circostanze, sia di sostenere ancora il rilancio economico-sportivo del nostro Club, poiché, sebbene i conti della Società dovranno giungere presto al definitivo equilibrio, anche nell’esercizio 2018/2019 appaiono indispensabili ulteriori iniezioni di liquidità.

Noi abbiamo riposto fiducia nel nuovo corso e abbiamo verificato la grande disponibilità al confronto, mai registrata prima, da parte del nuovo management.
Ma ora è alla Proprietà, è a Lei che spetta di compiere quegli atti responsabili non più procrastinabili.

Se la Sua holding è in grado di rifinanziare immediatamente il credito concessole dal fondo Elliot e di smentire, nei fatti, l’UEFA quanto alla effettiva stabilità e consistenza dell’assetto proprietario del Milan, ci aspettiamo – subito – dichiarazioni e atti conseguenti.
Non c’è più tempo da perdere.

Se invece questa possibilità manca, non vi è altra strada che quella di farsi da parte e di imboccare senza indugio la strada più diretta per cedere la partecipazione ad un nuovo socio di maggioranza, in grado di essere il nuovo custode del patrimonio di storia e passione che la nostra Società rappresenta per milioni di persone in Italia e nel Mondo e di rilanciarla verso quei traguardi dai quali è stata per troppo tempo lontana.

Non vi è una terza via.
Non sarà possibile temporeggiare ancora, mentre la pazienza e il credito dei tifosi viene meno, giorno dopo giorno, e il Milan rischia conseguenze gravi per il suo futuro, che pregiudicherebbero tutto gli sforzi fin qui compiuti per riportare il Club dove merita.

Ci attendiamo un pronto riscontro, in difetto del quale crediamo sia necessario un confronto formale in Assemblea dei Soci, attesi gli inevitabili e diretti riflessi delle scelte della Sua holding sugli interessi e il patrimonio dell’A.C. Milan.

I nostri migliori saluti.

Edoardo Barone (Presidente di APA Milan)
Giuseppe La Scala (Vice Presidente di APA Milan)

 

 

en_USEnglish
it_ITItalian en_USEnglish