Daily Archives

One Article

Posted by Redazione Rossonera on

L’importanza di chiamarsi Refiloe Jane

L’importanza di chiamarsi Refiloe Jane

Un pomeriggio caldo e assolato di inizio febbraio, una di quelle giornate in cui “lascio la giacca in macchina, tanto non serve”: di sicuro è un buon inizio per qualsiasi piano. Se poi, avviandoti verso il luogo concordato, incontri Nelson Dida lungo il viale del Centro Sportivo Vismara, beh i presagi sono tutto fuorché di sciagura.

Un pomeriggio a disposizione per dipingere un quadro della centrocampista del Milan Femminile Refiloe Jane, top player silenziosa di una squadra che tra alti e bassi veleggia sul podio della classifica della Serie A femminile, con un cuore ed una determinazione senza eguali.

Refiloe Jane mette in campo la stessa personalità che incontriamo faccia a faccia: timida, silenziosa (“very quiet”, come si definisce lei stessa), ma estremamente intelligente. Indossa una felpa con il cappuccio nonostante le alte ed innaturali temperature, parla a voce bassa, ma di cose da dire ne ha in grande quantità, e nonostante la teorica barriera tra calciatrice e giornalisti l’intervista procede spedita e il microfono di Radio Rossonera registra tutto ciò che ci racconta di sé.

15 minuti di chiacchierata che aprono uno spiraglio di finestra su una ragazza sudafricana, classe ’92, che ha iniziato a giocare da piccola ispirata dai fratelli, che a loro volta giocavano a calcio: “è stato difficile giocare con i maschi”, le chiediamo, e la sua risposta non mostra alcuna incertezza, “no, e devo ringraziare i miei fratelli e la mia famiglia, che mi ha sempre supportato nel mio desiderio di giocare a calcio”.

Refiloe Jane è calma e misurata nel parlare proprio come lo è in campo, e nel raccontarci di sé e delle sue esperienze si lascia andare a qualche risata nel parlare dei suoi tifosi in Sudafrica: sa benissimo quanto è amata dai suoi conterranei, alla luce soprattutto di un affetto che supera le distanze grazie ad internet, e più che mai la fanno sentire al centro dell’attenzione grazie ai commenti che spesso compaiono sotto le foto delle ragazze del Milan Femminile, pubblicate dai canali ufficiali di AC Milan (“Hey Admin, where’s Fifi? You know she has to be in the pictures!”).

15 minuti che passano in fretta, e domanda dopo domanda il ritratto è sempre più completo e ricco di particolari: la sua spiritualità che la accompagna in tutte le fasi della giornata, la sua generosità verso gli altri, persino la gestione della sconfitta, per nulla scontata. Insomma, gli occhi grandi e scuri di Refiloe, o Fifi come viene chiamata da tutti, non possono mentire.

I presagi iniziali si sono effettivamente confermati: è stato un gran bell’incontro

Lucia Pirola

Guarda il 60 seconds with Refiloe Jane 👇

Venerdì l’intervista completa nel “face to face” in podcast su Radio Rossonera!

en_USEnglish
it_ITItalian en_USEnglish