Monthly Archives

11 Articles

Posted by Redazione Rossonera on

Milan, Suso: l’uomo della discordia. Focus atletico

Milan, Suso: l’uomo della discordia. Focus atletico

MILAN, SUSO – Nel corso di una stagione sportiva, i temi di dibattito e di confronto tra tifosi, sono tanti e riguardano i più disparati argomenti. È il bello del calcio: confrontarsi, nel rispetto delle opinioni altrui, sapendo che nessuno ha la verità in tasca. Non potrebbe essere altrimenti, in uno sport tanto semplice quanto eclettico come il calcio.

La stagione 2018-2019 volge al termine. Ufficialmente si chiude il 30 giugno, ma si sa, all’indomani dell’ultimo match di campionato, mente ed occhi di tutti sono già proiettati al futuro. Ecco quindi che il calciomercato diventa il protagonista indiscusso, tra desideri di colpi ad effetto in entrata e discussioni su chi, tra i calciatori presenti in rosa, dev’essere il punto di partenza per costruire la squadra per l’anno successivo.

C’è un calciatore che più di tutti divide il popolo del Milan: ha il numero 8 sulle spalle e la sua seconda casa, quest’anno, è stata la fascia destra del campo di San Siro. Specialità: rientrare sul mancino e cercare la sua “mattonella” per calciare in porta o per trovare la testa di un compagno al centro dell’area di rigore.

Oggi, la maggior parte dei tifosi rossoneri sembra schierata: Suso non può far parte del Milan del futuro.
Qualcuno adduce come motivo il calcio di Giampaolo: il nuovo allenatore, infatti, negli ultimi anni ha sempre schierato le sue squadre con il modulo 4-3-1-2, poco spazio, dunque, per un “esterno naturale” come lo spagnolo. Le virgolette sono d’obbligo, qualche anno fa, infatti, si faceva il discorso opposto, considerando Suso un “trequartista naturale”, inadatto al ruolo di esterno d’attacco. Forse la chiave è nel mezzo: può interpretare entrambi i ruoli, tantissimo dipende dai compiti che gli vengono affidati e quindi da chi siede in panchina. Altri invece, considerano Suso il più sacrificabile sul mercato: una cessione che può generare plusvalenza, con tutte le conseguenze del caso. Dall’altro lato del fiume rossonero, invece, c’è chi difende a spada tratta il numero 8 del Milan, ricordando, numeri alla mano, le innumerevoli partite risolte dal suo mancino.

Punti di vista. È bene però tornare all’incipit dell’articolo: non esiste una verità assoluta. È innegabile che, in questi ultimi anni, Suso abbia rivestito un ruolo importante nel Milan. È allo stesso tempo lapalissiano come, in alcuni momenti della stagione, la sua posizione in campo abbia rappresentato più un peso che una risorsa per il gioco dei rossoneri.

Analizzando le prestazioni atletiche fornite dallo spagnolo nel corso di questa stagione, si ha la netta sensazione che, anche nei momenti di buio, il suo problema non sia mai stato di natura fisica. A cavallo tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019, Suso ha sofferto di un affaticamento muscolare nella zona adduttoria della coscia, che lo ha costretto a saltare la sfida di Supercoppa Italiana a Gedda contro la Juventus. In meno di due settimane, ha pienamente recuperato dall’infortunio, che non ha influenzato in alcun modo il resto del campionato.

Per provare ad approfondire le performance del numero 8, è bene chiarire un aspetto: da un calciatore come Suso non ci si aspettano certo tanti chilometri percorsi. Ci si aspetta invece che, in percentuale, i chilometri percorsi ad alta intensità siano una buona fetta dei percorsi in totale. Per il ruolo che riveste e per la sua natura, è un calciatore che dovrebbe fare la differenza nel cambio di passo, sia senza palla che, soprattutto, quando si trova ad affrontare un avversario con il pallone tra i piedi. Fatta questa premessa, sviscerando i dati atletici delle prestazioni di Suso emerge che, in media, i chilometri percorsi ad alta intensità, sono circa il 6% dei km totali.

Nel grafico alcune prestazioni atletiche di Suso: in arancione il totale di km percorsi, in blu la frazione di km percorsi ad alta intensità

Ancora una volta: sono dati che vanno analizzati e contestualizzati, approfonditi ed integrati con altri elementi. In questa sede possiamo limitarci a dire che, nei momenti difficili della sua stagione, il problema di Suso non è stato di natura atletica. Aver corso tanto come chilometri totali, aver “rincorso” e ripiegato tanto in fase difensiva, può aver influenzato la sua lucidità e le sue giocate nella metà campo avversaria? Possibile. La testa, più del fisico, può aver condizionato le sue prestazioni nei momenti difficili? Possibile anche questo.

In conclusione, che sull’argomento Suso ci si trovi da una sponda o dall’altra del fiume, resta la certezza che l’acqua che scorre è rossonera ed unisce i tifosi. È bene ricordarlo in ogni discussione, in ogni parere discordante. Al centro c’è e ci sarà sempre il Milan. Per ciò che riguarda Suso, non ci resta che aspettare. Le prossime settimane ci diranno tanto. Concludiamo però, stavolta si, con la speranza di avere una certezza: se Giampaolo dovesse decidere di puntare sul numero 8, qualunque sia il ruolo che deciderà di fargli interpretare, avrà il pieno sostegno di tutti i tifosi rossoneri. Ci sarà tempo per le valutazioni più disparate e, se necessario, le critiche.

Alessandro Molinaro

Foto: AcMilan.Com

Posted by Redazione Rossonera on

Esclusiva Andrea Maldera: “Mykolenko giocatore interessante. Il Milan fa bene ad osservare Suprjaha. Giampaolo? Sono un suo estimatore”

Esclusiva Andrea Maldera: “Mykolenko giocatore interessante. Il Milan fa bene ad osservare Suprjaha. Giampaolo? Sono un suo estimatore”

ESCLUSIVA ANDREA MALDERA – Intervista esclusiva di Radio Rossonera ad Andrea Maldera, assistente tecnico della nazionale ucraina guidata da Andrij Shevchenko. Tra i temi della chiacchierata non mancano alcuni giudizi tecnico-tattici su alcuni talenti ucraini come Mykolenko e Suprjaha; oltre che un parere su Marco Giampaolo.

Vitalij Mykolenko, che tipologia di giocatore è? Può essere pronto per la Serie A?

È un ragazzo arrivato quest’anno in nazionale, l’avevamo seguito la scorsa stagione, e un po’ anche per necessità l’abbiamo inserito in anticipo. Ci ha sorpreso per la velocità con cui si è imposto e si è conquistato il posto in rosa, non è ancora un titolare fisso. È ancora giovane, un classe 2000 che grazie al campionato nazionale non di alto livello è riuscito a trovare spazio, ma forse non è ancora pronto per altri campionati, c’è una componente di rischio. Il ragazzo comunque a livello fisico e tecnico è interessante. Un mancino naturale, più bravo in fase di possesso, un giocatore di prospettiva. Mi sembra azzardato però possa essere il titolare del Milan che però può prenderlo come investimento per il futuro“.

Ci può raccontare qualcosa su Suprjaha (attaccante ucraina under 20)?

Nonostante il momento sociale del paese non sia facile e il campionato è dominato da Shakhtar e Dinamo Kiev, nell’ultimo periodo il calcio ucraino ha proposto molti talenti. Non è un caso che abbiamo vinto il Mondiale Under 20. Suprjaha ha bruciato le tappe, negli Europei Under 19 (l’Ucraina arrivò al 4°posto) fu straordinario. Quest’anno è stato buttato in prima squadra nella Dinamo Kiev, giocando anche il preliminare di Champions con l’Ajax. Ha fatto, come normale, un po’ di fatica. Sono ragazzi giovani, di grande potenzialità, a cui però va concesso un margine d’errore, che a volte la Serie A non ti concede. Sono tutti ragazzi di valore e in nazionale possiamo aspettarli. Al Milan invece è un po’ più difficile. Suprjaha, a differenza di Mykolenko, non è nella rosa della Nazionale maggiore. Mykolenko invece ha giocato titolare contro il Portogallo, dove non ha sfigurato. Le aspettative sono alte e importanti, ha un grande futuro e il Milan fa bene ad osservarlo“.

Ti incuriosisce Giampaolo al Milan?

Non vedo l’ora che accade, sono un estimatore del gioco di Giampaolo e di quello di Sarri che hanno principi simili e grandi idee di calcio. Quest’anno sono andato a Genova a trovarlo, il suo staff è molto preparato. È arrivato a questo punto dopo tanti anni di esperienza e gavetta. Per me è uno dei maestri di calcio più importanti in Italia, prima o poi doveva fare il salto di qualità. Una squadra come il Milan, oltre a vincere, deve dare una grande immagine in campo e tornare a fare le partite. il Napoli di Sarri non ha vinto lo scudetto, ma ci ha fatto emozionare. Faccio un grande in bocca al lupo a Giampaolo“.

Immagine articolo tratta da: trivenetogoal.it

Posted by Redazione Rossonera on

Calciomercato Milan, Ag. Kramaric: “Con i rossoneri nessun contatto, si trova benissimo all’Hoffenheim”

Calciomercato Milan, Ag. Kramaric: “Con i rossoneri nessun contatto, si trova benissimo all’Hoffenheim”

CALCIOMERCATO MILAN, AG. KRAMARIC – Impazzano i nomi dei papabili nuovi acquisti rossoneri, oggi sui media, in particolare quelli tedeschi, si parla di Andrej Kramaric. La redazione di Radio Rossonera ha contattato in esclusiva il suo agente Vincenzo Cavaliere. Ecco le sue risposte:

Partiamo dalla stagione di Kramaric: 37 partite, 22 goal. Annata da incorniciare?

Andrej è oramai alla terza stagione e mezzo da incorniciare, considerando che ha portato l’Hoffenheim alla salvezza con 8 gol dal penultimo posto. Li ha portati per la prima e seconda volta nella storia del Club in Europa League ed in Champions e quest’anno, non riuscendoci, ha comunque fatto una marea di gol e assist“.

Andrej è una seconda punta dai grandi numeri e dal grande movimento. Si sposerebbe bene con una prima punta come Piatek?

Andrej è una punta di grande movimento. Può giocare da falso 9, da seconda punta e dietro le punte. È un giocatore straordinario e completo. Non lo dico io, ma i numeri, i gol, gli assist, l’aver portato la Croazia ai mondiali con lo spareggio e l’aver fatto una parte di storia dell’Hoffenheim diventando il suo bomber più prolifico. Credo che qualsiasi punta abbia piacere di giocare con un giocatore del genere“.

Abbiamo letto che Andrej si trova molto bene all’Hoffenheim ma di fronte ad una chiamata di Boban potrebbe prender in considerazione l’ipotesi Milan, anche eventualmente senza Europa League?

Andrej si trova benissimo all’Hoffenheim che è un grande club“.

Questo contatto col Milan c’è già stato? È un qualcosa che potrebbe concretizzarsi?

Non c’è alcun contatto“.

Immagine articolo tratta da: novantesimo.com

Posted by Redazione Rossonera on

Mondiali Femminili, Brasile: le “Canarinhas”. L’ultimo avversario dell’Italia nel Girone C

Mondiali Femminili, Brasile: le “Canarinhas”. L’ultimo avversario dell’Italia nel Girone C

MONDIALI FEMMINILI, BRASILE – Ad una partita dalla fine della fase a gironi, con due turni già alle spalle, la classifica del girone C dei mondiali femminili di Francia recita: Italia 6 punti, differenza reti +6; Brasile 3 punti, differenza reti +2; Australia 3 punti, differenza reti 0; Giamaica 0 punti, differenza reti -8.

Alla nazionale femminile italiana sembra di vivere un sogno, ma lo scenario è perfettamente reale: i trionfi contro l’Australia e la Giamaica hanno infervorato il clima intorno alle Azzurre, oggi protagoniste di una sorta di bolla mediatica inaspettata.

Il cammino della nostra nazionale ai mondiali di Francia 2019 è ancora solo a metà strada, e martedì 18 giugno si prospetta un altro appuntamento decisivo per le sorti della squadra: la sfida contro il Brasile, le Canarinhas.

Il Brasile è arrivato al mondiale in forma poco smagliante, reduce da una fase di preparazione con una sola vittoria su undici gare, uscendo sconfitte da ben nove amichevoli consecutive. L’esordio ai mondiali contro la Giamaica è riuscito a invertire la rotta, grazie alla tripletta di Cristiane, ma la seconda sfida contro le Matildas australiane ha portato una bruciante sconfitta per 3-2, dopo che le brasiliane si erano portate avanti per 2-0. Lo scenario attuale in cui si inserisce Italia-Brasile è dunque molto incerto: un’Italia umile ma involata sulle ali dell’entusiasmo incontrerà un Brasile cosciente delle proprie qualità ma provato da risultati insoddisfacenti, oltretutto senza una aritmetica certezza di accesso agli ottavi di finale.

Cosa aspettarsi da questo Brasile in campo?

Coach Oswaldo Alvarez, in arte Vadao, opterà presumibilmente per il consueto 4-4-2, modulo che ha destato tanti dubbi nelle passate partite delle Canarinhas a causa della vulnerabilità della difesa e alla poca conformità con il gioco di Marta, campionessa indiscussa della sua nazionale e instancabile rapace in area di rigore. Dopo aver saltato tutti i 90’ della partita di esordio dei mondiali causa infortunio, e dopo aver punto solo su calcio di rigore contro la Giamaica, Marta non avrà certo intenzione di lasciare a desiderare, e se contro l’Italia dovesse sentirsi particolarmente ispirata potrà far passare 90 minuti di fuoco alla difesa azzurra.

Tra le giocatrici brasiliane la menzione speciale va necessariamente alla rossonera Thaisa Moreno, con numero 5 sulle spalle, titolare e in campo fino all’ultimo minuto in entrambe le partite delle Canarinhas nel ruolo di interno di sinistra di centrocampo al fianco della quarantunenne ed instancabile Formiga. Thaisa potrebbe ritrovarsi in mezzo al campo a battagliare con la compagna rossonera Giugliano, dando vita a quella medaglia a doppia faccia che solo che compagne di squadra -e di reparto- che improvvisamente si trovano ai lati opposti del campo possono capire.

Appuntamento per martedì 18 giugno ore 21.00: Brasile-Italia è qui.

Immagine articolo tratta da: https://matstegen.tumblr.com

Lucia Pirola

Posted by Redazione Rossonera on

Milan, Rade Krunic: alla scoperta del primo acquisto rossonero. Focus atletico

Milan, Rade Krunic: alla scoperta del primo acquisto rossonero. Focus atletico

MILAN, RADE KRUNIC – Il 22 febbraio, al termine di una convincente vittoria del Milan contro l’Empoli, Rade Krunic lasciava il terreno di San Siro per l’ultima volta. Non sapeva che, la volta successiva, avrebbe messo piede in quello stadio con una nuova, gloriosa, maglia a strisce verticali rossonere: la maglia del Milan.

Versatilità e duttilità. Sono queste le parole che, in questi ultimi giorni, sono state scritte e pronunciate sul conto di Krunic. Un centrocampista eclettico. Per qualcuno, l’ex numero 33 dell’Empoli rappresenta un chiaro indizio sul prossimo allenatore che siederà sulla panchina del Milan. Marco Giampaolo infatti, è stato il primo allenatore di Krunic in Italia, durante la stagione 2015/2016. Qualcun’altro invece, afferma che il suo approdo al Milan sia il primo marchio di Zvonimir Boban sul nuovo corso rossonero. Imoschi, città natale di Zvone, dista poco più di 200 km da Foca, patria del primo acquisto (in attesa di ufficialità…) di questa sessione di calciomercato del Milan. Suggestioni.

Il destino, a volte, è beffardo: Rade Krunic, se non fosse stato infortunato, avrebbe potuto disputare la sua ultima partita con la maglia dell’Empoli proprio a San Siro, il 26 maggio, contro l’Inter. Partita fondamentale tanto per la corsa Champions, quanto per la lotta salvezza. Chissà se qualcosa sarebbe cambiato.

Ciò che invece è inconfutabile, sono le prestazioni fornite nel corso di questa stagione dal centrocampista bosniaco. I dati, ancora una volta, dicono tanto. Nelle trentatré partite in cui è sceso in campo, è stato utilizzato quasi sempre come mezz’ala in un centrocampo a tre: sedici volte sul lato destro del campo, tredici volte come mezz’ala sinistra. Nelle restanti quattro sfide, ha agito come trequartista in un 4-3-2-1. Versatilità, appunto.

Analizzando i dati atletici della stagione appena conclusa, saltano all’occhio due aspetti interessanti: il primo è che, in una stagione che ha visto l’avvicendamento di Andreazzoli e Iachini, le prestazioni di Krunic si sono mantenute stabilmente positive; il secondo dato, significativo anche questo, è che nonostante la retrocessione dell’Empoli, le performance del suo centrocampista, hanno poco da invidiare a quelle di calciatori di squadre di alta classifica: Krunic, ad esempio, è stato tra i migliori creatori di occasioni da gol in questa stagione e tra i primi quattro centrocampisti della Serie A ad aver preso parte attiva ad almeno dodici reti (cinque gol, sette assist).

Tra le armi a disposizione del futuro calciatore rossonero, ci sono senz’altro inserimento senza palla e capacità di ribaltare l’azione palla al piede. Sugli schermi di tanti tifosi rossoneri, è in riproduzione in queste ore il coast to coast con cui ha aperto la sfida casalinga contro il Sassuolo. I dati confermano queste sensazioni: quando ha giocato mezz’ala, Krunic ha sempre fornito prestazioni atletiche maiuscole, correndo stabilmente circa 1 km ad alta intensità in ogni partita. È un dato da analizzare, ma è certamente figlio delle caratteristiche appena descritte: sia con la palla, che senza, è un calciatore in grado di cambiare passo ed offrire soluzioni ai compagni.

Infine, c’è un dato particolare: in fase difensiva, le prestazioni di Krunic sono simili a quelle fornite da Kessiè per ciò che concerne contrasti ed intercetti; confrontando invece occasioni create ed ultimi passaggi pericolosi, in fase offensiva, le cifre di Krunic sono paragonabili a quelle di Hakan Calhanoglu. Di nuovo, dunque, la duttilità di questo centrocampista: quantità e qualità al servizio del Milan, con la possibilità di avere, finalmente, delle alternative all’altezza dei titolari.

Si tratta solo di dati, ovviamente. È chiaro che un palcoscenico come San Siro è un banco di prova da far tremare le gambe a chiunque. Le premesse perché possa trattarsi di un matrimonio felice, però, ci sono tutte. Di certo, per Rade Krunic, entrare a San Siro con la maglia rossonera sarà tutta un’altra storia, tutta da sognare, tutta da scrivere.

Foto Krunic tratta da: footballnews24

Alessandro Molinaro

Posted by Redazione Rossonera on

Mondiali Femminili, Giamaica: le “Reggae Girlz”: Il secondo avversario dell’Italia nel Girone C

Mondiali Femminili, Giamaica: le “Reggae Girlz”: Il secondo avversario dell’Italia nel Girone C

MONDIALI FEMMINILI, GIAMAICA – È vero: la prima partita è andata, e anche bene. E non solo è andata bene, ma l’Italia ha battuto l’avversario sulla carta più difficile, gettando in qualche modo il cuore oltre l’ostacolo e aprendo così un mare di possibilità per le prossime partite del girone. Tutto ciò è reale, ma non deve deconcentrare dalla realtà: il percorso dell’Italia è solo all’inizio, e il prossimo avversario è dietro l’angolo.

Si tratta della Giamaica, nazionale alla prima qualificazione ai mondiali femminili. 53^ nel ranking FIFA, reduci da un netto 3-0 subito dal Brasile al debutto: questi aspetti potrebbero dare apparenti sicurezze all’Italia, ma la realtà potrebbe rivelarsi lontana dalle aspettative. In particolare, in fatto di esperienza non sono certo le Azzurre a poter dare lezioni, se non per semplici questioni anagrafiche: con 23.0 anni di età media la Giamaica è infatti la nazionale più giovane del torneo, dotata di talenti freschi, spensierati e soprattutto restii a darsi per vinti una volta subita la prima sconfitta all’avvio.

In campo la Giamaica si dispone solitamente con un 4-3-3 dotato di grande dinamicità e pressing alto: il punto forte di questa nazionale sarà infatti la velocità delle giocatrici, che punteranno ad aprire varchi nella difesa avversaria con dei break improvvisi approfittando degli spazi liberi. Ardua impresa sarà dunque per la linea difensiva italiana: nella scorsa partita contro l’Australia abbiamo visto Gama e Linari inizialmente più di una volta sorprese dalla velocità di Sam Kerr. La dura prova potrebbe dunque riproporsi, lasciando più probabili margini di intervento sul fronte tecnico, dove la coppia di centrali azzurre potrà certamente dire la propria.

Infine, in vista di Giamaica-Italia, ecco i nomi da tenere a mente: Khadija “Bunny” Shaw, centravanti #11 delle Reggae Girlz e talento prodigio della propria nazionale. Fortificata da una tragica serie di eventi personali, non è certo il prototipo di giocatrice facile da fermare, grazie alla sua velocità e alla sua mole di 1.80 cm a soli 22 anni. Un’altra sorvegliata speciale sarà Sydney Schneider, diciannovenne portiere giamaicano, eroina della scorsa partita nonostante i 3 gol subiti da Cristiane: i suoi fatidici interventi hanno salvato la sua squadra dalla prematura debacle, grazie anche alla formidabile parata sul calcio di rigore di Andressa.

Appuntamento per venerdì 14 giugno ore 18.00: Giamaica-Italia è già qui.

Foto FifaImmagini tratte da: https://matstegen.tumblr.com

Lucia Pirola

Posted by Redazione Rossonera on

Mondiali Femminili, Australia: le “Matildas”. Ecco la prima avversaria dell’Italia nel Girone C

Mondiali Femminili, Australia: le “Matildas”. Ecco la prima avversaria dell’Italia nel Girone C

MONDIALI FEMMINILI, AUSTRALIA – Domenica 9 giugno la nazionale femminile italiana debutterà ufficialmente in questi mondiali di Francia 2019: alle ore 13 le azzurre affronteranno l’Australia, primo e ostico avversario in questo difficile campionato. Quali sono i tratti caratteristici del primo avversario dell’Italia ai mondiali? Che tipo di squadra ci dobbiamo aspettare in campo?

Prima di tutto, quando pensiamo alla nazionale femminile australiana dobbiamo eliminare l’eventuale preconcetto basato sulle caratteristiche della nazionale maschile, conoscenza di vecchia data ma profondamente diversa dalla controparte femminile.

La nazionale femminile dell’Australia, le cui giocatrici sono definite “Matildas”, si trova stabilmente nelle prime 10 posizioni del ranking FIFA: attualmente occupa il 6^ posto, subito dopo le consolidate strapotenze del calcio femminile mondiale. Il palmares di questa squadra sembra però raccontare una storia diversa: sempre qualificata dal 1995, il miglior piazzamento nel campionato del mondo è però il quarto di finale, raggiunto nelle ultime tre competizioni (2007, 2011, 2015), stesso miglior piazzamento raggiunto nei giochi olimpici (2004, 2016). Nella dimensione più “locale” delle grandi competizioni, ovvero la Coppa delle nazioni asiatiche e la Coppa delle nazioni oceaniane, c’è invece molta più dimestichezza con podi e vittorie.

La nazionale australiana del 2019 partecipa ai mondiali con una delle rose più competitive degli ultimi anni, dotata in ugual modo di giovani e di esperienza, con un grande entusiasmo dettato anche dal recente cambio di allenatore: l’esonero -non senza polemiche- di Alen Stajcic ha lasciato spazio all’arrivo di Ante Milicic, che ha portato una  filosofia e un assetto tattico più votati all’attacco. L’Australia potrebbe infatti schierarsi in campo con una sorta di 4-2-4, modulo che ha sperimentato anche nell’ultima partita contro gli Stati Uniti: questo voto al gioco offensivo, con terzini molto alti e transizioni veloci e verticali, è stato tuttavia riservato allo scontro con un avversario forte e di grande qualità come gli USA di Alex Morgan e compagne, dunque la partita inaugurale delle Matildas contro l’Italia potrebbe anche vedere in campo assetti più contenuti. Certo è però, che un eventuale approccio ultra offensivo potrebbe rendere vulnerabile il reparto difensivo, già pesantemente folgorato dalle recenti reti subite contro gli stessi Stati Uniti e contro l’Olanda, partite perse rispettivamente 5-3 e 3-0

In conclusione, ecco i nomi da tenere a mente: Sam Kerr è la leader incontrastata tra le “giocatrici da tenere d’occhio”, dotata di grande intelligenza tattica e personalità, con qualità di finalizzazione fuori dal comune. Accanto a Kerr, sarà bene appuntare sul taccuino anche il nome della trentaquattrenne Lisa De Vanna, dribblatrice seriale e attualmente la miglior marcatrice nella storia delle Matildas. E per non farsi mancare nulla, oltre all’esperienza, c’è la giovane promessa: si tratta di Ellie Carpenter, classe 2000, terzino destro con licenza di spingere e di uccidere – la concorrenza.

Immagine tratta da: Footballs.tumblr.com

Lucia Pirola

Posted by Redazione Rossonera on

Milan, Franck Kessiè: la legge di “Krenk”. Focus atletico

Milan, Franck Kessiè: la legge di “Krenk”. Focus atletico

MILAN, FRANCK KESSIÈ – Costa d’Avorio, distretto di Goh-Djiboua, dipartimento di Gagnoa: Ouragahio. Una città di 36.364 anime, che il 19 dicembre 1996 vedeva la nascita di Franck Yannick Kessiè. Sì, non sono passati nemmeno 23 anni. Solo 22 anni e mezzo.

Eppure, Franck è già alla fine della sua seconda stagione in maglia rossonera, la terza in Serie A. È un dato notevole. Ma è forse ancor più significativo il fatto che, nelle 38 partite di campionato di quest’anno, Kessiè si è accomodato in panchina solo una volta. Era la 29esima giornata, infelice trasferta di Genova contro la Sampdoria, e, vuoi per il ritorno tardivo dalle partite con la Costa d’Avorio, vuoi per la querelle del derby con Lucas Biglia, è stata l’unica volta in cui mister Gattuso ha deciso, per sua scelta, di rinunciare alla sostanza di Franck in mezzo al campo.

3022’ sui 3420’ totali. Questo il dato, impressionante, dei minuti giocati dal numero 79 in questa Serie A. Quattro le partite, in totale, in cui il Milan ha dovuto rinunciare a lui. Solo 4 i punti raccolti sui 12 disponibili.

Addentrarsi nei dati atletici di Franck Kessiè, è qualcosa che fa brillare gli occhi dei preparatori atletici. Ancora una volta è importante ribadirlo: non sono i chilometri totali percorsi a rendere straordinario il rendimento di questo calciatore. Quelli – ed è bene ribadirlo una volta per tutte – hanno un valore decisamente limitato nel mondo del calcio di oggi. Ciò che invece fa la differenza, all’interno dei 90 minuti e nel corso di un’intera stagione, sono i chilometri percorsi ad alta intensità.

Ci sono alcuni calciatori, come Messi o Salah, o ancora Federico Chiesa, per restare nella nostra Serie A, che percorrono pochi chilometri in totale rispetto ai compagni di squadra. Tuttavia, nella casella dei km percorsi ad alta intensità, sono stabilmente tra i primi della classe. E nessuno mai, ad un calciatore come Lionel Messi, chiederà di correre di più. Inutile spiegare il perché.

Di Kessiè si dice spesso che con i piedi non sia “educato”, eppure sfido chiunque a trovare un centrocampista più preciso, nei passaggi e nei tiri in porta, che percorra i suoi stessi km ad alta intensità nell’arco di una stagione. In giro per l’Europa si contano sulle dita di una mano e sono capitanati da un ragazzo del 1991 che porta la maglia del Manchester City con il numero 17 sulle spalle: Kevin De Bruyne.

Ma torniamo al nostro numero 79: nelle 32 partite in cui ha disputato tutti i 90’, Franck è stato sempre tra i primi 3 rossoneri per km percorsi ad alta intensità. È incredibile, ma è solo il primo tra i dati pazzeschi della sua stagione. Nella metà delle 32 partite, è stato il calciatore del Milan a percorre più km ad alta intensità. Innumerevoli le volte in cui è stato anche il migliore del match, in quanto a dati atletici.


Ciò che rende ancor più significativi questi dati, è il fatto che, spesso, siano conseguenza di secondi tempi nettamente migliori dei primi. Questo significa che, quando le energie degli altri 21 in campo iniziano ad andare sul rosso, Franck scopre di avere un serbatoio di riserva dal quale attingere. Ed ecco che lo si vede ripiegare in fase difensiva, portar palla e ribaltare il fronte quando le squadre sono ormai spaccate, difendere palla come un centravanti di provincia, quando ce n’è bisogno.

Il Milan, si sa, nel corso della sua storia ultracentenaria, ha avuto centrocampisti invidiati da tutto il mondo. Gente capace di dare del tu al pallone come pochi altri. Calciatori tecnici in grado di disegnare calcio. Oggi, il calcio è in rapida evoluzione e sono poche le squadre che possono permettersi di non avere giocatori “di quantità”.

Io, oggi, in questo Milan, farei davvero fatica a fare a meno di un calciatore come Frank Kessiè in mezzo al campo.
E chissà che, vista la sua giovane età e gli enormi margini di miglioramento che ha, tra qualche anno non potremo ritrovarci in rosa un calciatore in grado di abbinare qualità alla quantità. Si tratterebbe di un unicum in Europa, una pietra preziosa grezza resa gioiello: la chiameremo Krenk.

Photo Credits: AcMilan.com

Alessandro Molinaro

Posted by Redazione Rossonera on

Associazione Piccoli Azionisti Di A.C. Milan: Auro Palomba eletto presidente. Giuseppe La Scala Vice Presidente e Alessandro Dubini Vice Presidente Vicario

Associazione Piccoli Azionisti Di A.C. Milan: Auro Palomba eletto presidente. Giuseppe La Scala Vice Presidente e Alessandro Dubini Vice Presidente Vicario

ASSOCIAZIONE PICCOLI AZIONISTI DI A.C. MILAN – Auro Palomba eletto presidente dell’Associazione Piccoli Azionisti di A.C. Milan. Giuseppe La Scala Vice Presidente e Alessandro Dubini Vice Presidente Vicario

COMUNICATO STAMPA

Milano, 4 giugno 2019 – L’Associazione Piccoli Azionisti di A.C. Milan (“APA”), all’indomani del formale via libera del Consiglio di Amministrazione dell’AC Milan S.p.A. (“Società”) all’ingresso di 50 piccoli azionisti suoi associati nella compagine azionaria della società presieduta da Paolo Scaroni, ha rinnovato i propri organi direttivi che rimarranno in carica per il prossimo triennio.

L’Assemblea di APA ha eletto per acclamazione Presidente del Consiglio Direttivo Auro Palomba, Vice Presidente Giuseppe La Scala, Vice Presidente Vicario Alessandro Dubini e Pierfrancesco Bencivenga Segretario Generale.

Ad Auro Palomba, Giuseppe La Scala e a Alessandro Dubini gli associati hanno riconosciuto il merito di aver condotto con abilità la trattativa con la Società rossonera riuscendo ad ottenere l’ingresso nel capitale di AC Milan di 50 associati ad APA della prima ora.

Con APA entrano nell’azionariato del Milan fra gli altri Nicola Asti, Partner di Freshfields, Marco e Tommaso Dubini, Massimo Ferrari, CFO di Salini Impregilo, Sergio Iasi, Chief Restructuring Officer di Trevi Finanziaria, Roberto Italia, fondatore di Space Holding, Sami Kahale, Direttore Generale di Esselunga, Marco Patuano, Amministratore Delegato di Edizione holding e membro del Consiglio di Amministrazione di AC Milan, Maurizio Tamagnini, Amministratore Delegato del Fondo Strategico Italiano, Pierfrancesco Vago, Amministratore Delegato di Msc, Nicolò Zanon, Giudice della Corte Costituzionale, Marco Sesana, Amministratore Delegato di Generali Italia e ulteriori 40 circa cuori rossoneri esponenti della business community italiana.

Elenco completo degli associati di APA

Surname Name
Aguiari Moreno
Asti Nicola
Bencivenga Pierfrancesco
Ben-Yehuda Ramiel
Bestetti Stefano
Cammarata Leonardo
Caramaschi Luca
Carnago Gian Paolo
Casò Angelo
Cefis Davide
Cerveglieri Davide
Cisotto Angelo
Cleopazzo Paride
Corvi Mora Edoardo
Degiorgi Alessandro
Di Liddo Luca
Di Sante Christian
Dubini Alessandro
Dubini Marco
Dubini Tommaso
Ferrari Massimo
Galea Kevin Louis
Ghezzi Matteo
Iasi Sergio
Invernizzi Alberto
Italia Roberto
Gelatti Mach De Palmstein Stefano
Kahale Sami
Mignanego Stefano
Nobili Francesco
Nolli Andrea
Palomba Auro
Papa Franco
Patuano Marco
Pesenti Marco
Pollavini Massimo
Ponzani Paolo
Preti Riccardo
Reboa Stefano
Reboni Roberto
Ricolfi Nicola
Rovello Marco
Rubino Marco
Sesana Marco
Tamagnini Maurizio
Tonon Andrea
Vago Pierfrancesco
Viganò Carlo
Volpi Alessandro
Zanon Nicolò
Zornetta Igor

 

Milanisti 1899 e Associazione Piccoli Azionisti di A.C. Milan

Milanisti 1899 e Associazione Piccoli Azionisti di AC Milan sono le associazioni che riuniscono i tifosi rossoneri che condividono un progetto di sostegno ai colori e all’attività sportiva del Milan, attraverso la partecipazione attiva e consapevole alla vita e alla gestione della società AC Milan Spa – di cui rappresentano – tramite cinquanta suoi associati- il più significativo azionista di minoranza. Le associazioni, inoltre, detengono la quota di maggioranza relativa di El Nost Milan S.r.l., società editrice di Radio Rossonera, web radio che in poco meno di due anni ha superato i tre milioni di ascolti in tutto il mondo diventando la radio sportiva più seguita nel circuito di Spreaker.com. e del neonato quadrimestrale 120Milan (nel 2019 si celebrano 120 anni di vita del Milan), patinato magazine quadrimestrale di duecento pagine, in doppio testo (italiano ed inglese), distribuito in abbonamento o in vendita sul sito radiorossonera.it, che mira a favorire il confronto ragionato sul mondo del calcio, e in particolare sul Milan, la sua storia e la sua cultura alta e popolarissima.

Per maggiori informazioni e per associarsi https://radiorossonera.it/associazioni2019/

Posted by Redazione Rossonera on

Milan Highlights (rubrica): goal, partita, eroe e stella del mese di maggio

Milan Highlights (rubrica): goal, partita, eroe e stella del mese di maggio

MILAN HIGHLIGHTS – Nuovo appuntamento con “Milan Highlights” la rubrica di Radio Rossonera che ripercorre gli avvenimenti principali del mese appena conclusosi. Come sempre dedichiamo i nostri piccoli focus a: goal del mese, partita della svolta, l’eroe che non ti aspetti e la stella del mese.

Il goal del mese: SUSO VS FROSINONE

Il goal del mese del maggio rossonero decidiamo di assegnarlo a Suso, autore della rete su punizione per il 2-0 in casa contro il Frosinone. Il mancino dell’esterno spagnolo non lascia scampo a Bardi e permette al Milan di chiudere l’ultima in casa con una vittoria, con la dedica finale ad Abate, che esce osannato da compagni e tifosi per l’addio ai colori rossoneri.

La partita della svolta: MILAN-BOLOGNA 2-1

Dopo le terribili prestazioni del mese di Aprile, arrivano 3 ottimi punti in casa contro il Bologna, nonostante un’altra gara sicuramente non all’altezza. In questa partita succede di tutto: accesa discussione tra Gattuso e Bakayoko per il comportamento del centrocampista in fase di riscaldamento, più un’espulsione di Paquetà nel secondo tempo che lascia molte discussioni. Il Milan riesce comunque a portare a casa la vittoria grazie alle reti di Suso e di Borini.

L’eroe che non ti aspetti: BORINI

Per l’eroe che non ti aspetti del mese di maggio decidiamo di premiare Fabio Borini: contro il Bologna porta la squadra sul 2-0, mentre a Firenze nella vittoria contro la Fiorentina, disputa una gara di grande umiltà e sacrificio. Nonostante le non eccelse abilità tecniche, è sempre l’ultimo a mollare, uscendo sanguinante in entrambe le gare.

La stella del mese: CALHANOGLU

Nella posizione di mezzala il turco rende decisamente di più, molto buone nel complesso le sue prestazioni: grazie alla sua rete il Milan espugna il campo di Firenze e inoltre mette anche il suo sigillo nell’ultima vittoria di campionato contro la Spal. In questa posizione, se resterà in rossonero, sarà quasi sicuramente schierato anche dal prossimo allenatore del Milan, magari in un nuovo modulo con il trequartista, con Paquetà alle spalle di due punte.

Andrea Propato

en_USEnglish
it_ITItalian en_USEnglish