Esclusiva, Demetrio Albertini a Lunediluca: “Al Milan serve maggior identità e convinzione. Scudetto? Può perderlo solo la Juve”

Esclusiva, Demetrio Albertini a Lunediluca: “Al Milan serve maggior identità e convinzione. Scudetto? Può perderlo solo la Juve”

ESCLUSIVA, DEMETRIO ALBERTINI – Nel corso della trasmissione “Lunediluca” condotta da Luca Serafini ed in onda su Radio Rossonera tutti i lunedì dalle ore 18 alle 19 è intervenuto in diretta telefonica l’ex centrocampista del Milan e della Nazionale italiana, Demetrio Albertini. Qui di seguito le sue dichiarazioni:

Qual è la tua idea relativa a questo primo scorcio di stagione del Milan di Gattuso?

Al Milan serve maggior identità di pensiero e convinzione nei propri mezzi. Ci sono tanti giocatori nuovi che hanno le potenzialità per fare molto bene e poi può contare su una grandissima punta come Higuain. Forse la vittoria contro la Roma li ha fatti stare un po’ più tranquilli del dovuto rispetto ad un percorso di crescita che dovrà continuare“.

Leonardo e Maldini hanno spesso parlato di mentalità. Come si migliora questo aspetto?

La mentalità cresce in base alle aspettative ed alle ambizioni. La chiave è non porsi dei limiti gestendo anche i momenti difficoltà. Il Milan non può pensare di non poter competere per i primi 4 posti; se poi non dovesse riuscirci si analizzeranno le difficoltà stagionali ma non bisogna mai crearsi degli alibi“.

È un Milan da zona Champions quello di questa stagione?

Ci sono almeno 5 squadre che lotteranno per quei 4 posti. La cosa più importante sarà la continuità che poi è la cosa più difficile da trovare“.

In che modo la Juventus potrebbe perdere questo campionato?

Sinceramente non lo so perché è una squadra molto forte e con una panchina molto ampia. In questi casi le uniche situazioni che potrebbero portare una squadra a perdere uno scudetto potrebbero essere alcune dinamiche di gruppo o qualche problema societario ma non mi sembra affatto che sia questo il caso. In definitiva, questo Scudetto possono perderlo solo i bianconeri“.

Ti ha sorpreso la rapidità con cui Ancelotti è riuscito a dare al Napoli la propria impronta?

No, credo inoltre che Carlo ha l’esperienza necessaria per gestire un ambiente come quello di Napoli che si esalta e si deprime facilmente. Chiaro che come allenatore Carlo è indiscutibile“.

Oggi sei impegnato in tante attività: puoi parlarci della società “Dema” e di questa passione per il Padel Tennis?

Siamo 3 amici che curano un po’ la comunicazione relativa a questo progetto imprenditoriale. Il Padel Tennis è uno sport nuovo, moderno e non credo che sarà soltanto una moda passeggera. È uno sport molto diffuso in Spagna; qui a Milano non esistevano campi e allora abbiamo deciso di costruirli in una zona molto bella, quella del Citylife. La cosa che ci fa maggiormente piacere è la grande risposta avuta dagli sportivi che vengono a giocare“.

Sei completamente uscito dal calcio e da alcuni ambiziosi pensieri dirigenziali?

No, perché del calcio resterò sempre un tifoso ed un appassionato. La politica sportiva l’ho conosciuta e praticata ma al momento non ho nessun pensiero al riguardo. Se potrei ripensarci con la giusta telefonata? No, in questo momento non ci sto davvero pensando“.


en_USEnglish
it_ITItalian en_USEnglish