Dopo Verona l’Atalanta: Milan, c’è un altro tabù da sfatare!

DiGiacomo Todisco

Mag 9, 2022

Focus – Una grande vittoria del Milan ieri a Verona contro l’Hellas. L’1-3 in trasferta ha consentito ai rossoneri di ri-superare l’Inter e riportarsi in cima alla classifica.

Per i tifosi del Diavolo per tutta la settimana è stato difficile non pensare al fantasma della Fatal Verona, ma nonostante ciò la squadra di Pioli ha dimostrato di saper sconfiggere questo genere di “maledizioni”. Più di campo è la questione legata alla prossima sfida. Contro l’Atalanta di Gasperini il Milan si giocherà una gara ancor più importante per puntare allo Scudetto e, rispetto a quello veronese, il tabù da sfatare ha origini meno antiche ma è comunque degno di nota.

Leggi QUI le parole di Di Canio sui singoli della rosa rossonera

Infatti, è dal 6 gennaio del 2014 che i rossoneri non vincono a San Siro contro la Dea. In panchina c’era Massimiliano Allegri, e il protagonista della partita fu il Kakà bis, autore di una doppietta. Il gol del 3-0 definitivo, poi, fu di Bryan Cristante. Tra le mura dello storico impianto, quello è rimasto l’ultimo successo milanista. Da lì in poi: nel 2014/15 lo 0-1 (Denis), i due 0-0 consecutivi (nel 2015/16 e 2016/17) e lo 0-2 dell’annata dopo firmata proprio Cristante ed Ilicic. Prima del pesante 0-3 dello scorso anno, ci sono stati due pareggi (2-2 nel 2018/19 e 1-1 nel post-lockdown 2019/20).

Al Milan vengono chiesti gli straordinari in questo finale di campionato: le 5 vittorie consecutive e un ulteriore tabù da spezzare.

Atalanta-Milan 0-2: le pagelle

photocredits: acmilan.com

Scarica QUI la nostra app per dispositivi Android. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!
Scarica QUI la nostra app per dispositivi IOS. Rimani sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.