“Sono cresciuto molto”: Donnarumma torna sui fischi di San Siro

I più letti

Andrea Roderi
Studente universitario, appassionato di radio, podcast e Milan. Aspirante giornalista professionista.

Donnarumma intervistato in Nazionale: la crescita al Psg, i difficili fischi di San Siro, gli errori del 2021

Essere fischiati da più di settanta mila persone non deve essere facile, anche (e soprattutto) se ti chiami Gianluigi Donnarumma. La vittoria contro il Psg ha avuto un sapore speciale per i tifosi del Milan, un sapore di rivalsa autentica, di “vendetta” sportiva. Una sensazione che non capita tutti i giorni, ma che il Milan certamente meritava. Donnarumma è tornato sull’atmosfera ostile di San Siro, parlando della sua percezione del momento di difficoltà estrema. Un pubblico prima ai suoi piedi, e ora totalmente nemico.

DONNARUMMA: “MILAN? COSTRUITA UNA GRANDE SQUADRA! LO SCUDETTO…”

Donnarumma a San Siro

La prestazione di Donnarumma per la prima volta contro il Milan a San Siro è stata più positiva del previsto. Abbiamo vinto, possiamo dirlo senza digrignare i denti: Gigio ha giocato bene, ma non abbastanza da fermare Leao e Giroud. In occasione della serata Hall of fame al ritiro con la Nazionale, Donnarumma è tornato sull’esperienza di Milan-Psg: “Non è stato facile a ottobre 2021 e non è stato facile ora. In campo cerchi di non farti distrarre da nulla, cerchi di dare il massimo. Dopo la partita ne risenti di più, scarichi un po’ di emozioni, però in campo cerchi di non risentirne”. Un’atmosfera complessa, impossibile da evitare viste le scelte prese da Donnarumma in passato. Il tutto, va detto, condito con una prestazione nettamente migliorata rispetto a quella di ottobre 2021, quando le emozioni avevano giocato un brutto scherzo al portiere azzurro.

PSG, DONNARUMMA: “AL MILAN 8 ANNI FANTASTICI”

In crescita

Sui social, siamo principalmente abituati a vedere le “papere” di Donnarumma. Spesso il portiere del Paris Saint Germain cade in qualche errore di troppo, anche in partite importanti. L’ex portiere del Milan, però, si sente in crescita: “L’esperienza all’estero ti cambia il modo di pensare, ti fa crescere sotto tutti i punti di vista. Mi sta facendo crescere sia in campo che fuori perché cambi modo di pensare e le prospettive. Mi ha fatto solo bene”. La titolarità a Parigi è ormai data per assodata, quella della Nazionale è pressocché intoccabile. Ci avrebbe fatto piacere vedere questa crescita con i colori giusti, quelli rossoneri, ma la scelta è stata chiara. Da questo punto di vista, evidentemente, il pubblico di San Siro si è fatto sentire in grande stile. Il lancio di banconote e i continui fischi non devono essere passati inosservati, nonostante la concentrazione sulla gara in corso.

BARTHEZ DURO SU DONNARUMMA: “HA EVIDENTI LIMITI”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

 

Ultime news

Notizie correlate