La dinastia Ancelotti continua: il figlio Davide è pronto al salto

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Dopo i grandi successi ottenuti insieme a papà Carlo, Davide Ancelotti sembra essere giunto al momento giusto per diventare primo allenatore

Tale padre, tale figlio? Con la quindicesima Champions League vinta dal Real Madrid, l’ex leggenda del Milan Carlo Ancelotti si è consacrato forse come il miglio tecnico di tutti i tempi portandosi a casa la settima coppa dalle grandi orecchie della sua carriera (2 da giocatore e 5 da allenatore). Tuttavia, a seguire le sue orme e a camminare da solo potrebbe presto essere la sua fidata spalla, il suo braccio destro, dal ruolo fondamentale nelle grandi vittorie del tecnico reggiano: il figlio Davide.

Le proposte come guida tecnica

Secondo Relevo, il vice allenatore del Real Madrid sarebbe finito nel mirino del Leicester, neopromosso in Premier League, e dei francesi del Reims, ma l’italiano ha manifestato la volontà di continuare coi blancos ancora per una stagione.

Oltte alle due pretendenti già citate, a lui aveva già pensato anche il Siviglia come primo allenatore. Stando a quanto rivelato da AS, dopo l’addio di Quique Sanchez Flores il club andaluso aveva inserito il figlio di Carlo nella lista delle papabili guide tecniche in vista della prossima stagione. Tuttavia, la scelta finale era poi ricaduta su Garcia Pimienta.

Ultime news

Notizie correlate