il 19/01/2024 alle 14:18

Prima Brassier, poi Buongiorno, adesso… la scelta: i piani del Milan per la difesa

0 cuori rossoneri

Il Milan pensa al da farsi per la difesa: il prezzo per Brassier è in calo, in via Aldo Rossi però studiano anche una pista più dispendiosa

Il Milan in questa sessione di calciomercato vuole dare priorità alla difesa: da una parte il Brest potrebbe abbassare le richieste per Lilian Brassier, dall’altra si pensa ad un investimento maggiore da anticipare rispetto a giugno. L’altro nome che segue il Diavolo è Tosin Adarabiyo.

Difesa Milan: i piani tra Brassier, Buongiorno e non solo

MILAN, CAIRO BLOCCA BUONGIORNO: I RETROSCENA

Più opzioni per la difesa

Il Milan tiene aperta la pista Brassier. Le cifre? Il Brest ora come ora non intende scendere sotto i 10 milioni, anzi, tende più verso i 12. In via Aldo Rossi pensano che restando sugli 8 la cifra sia più corretta. In questo senso il trascorrere dei giorni potrebbe agevolare le intenzioni rossonere. Attenzione, infine, a un altro scenario secondo Gazzetta: il Milan, nel caso di incastri favorevoli, potrebbe anche decidere di incrementare il budget per chiudere un centrale di profilo più elevato e portarsi avanti con sei mesi di anticipo sul progetto legato alla difesa. Tra i nomi segnati sul taccuino per giugno, invece, c’è quello di Adarabioyo, 26 anni, cresciuto al Manchester City e alla quarta stagione con il Fulham. Tra cinque mesi andrà in scadenza e il Milan lo segue con attenzione.

Porta aperta al Milan

A confermarlo è proprio il Presidente del club transalpino Denis Le Saint in un’intervista a Prime Video:

“Vedremo se ci saranno opportunità di cessione in questa finestra di mercato di gennaio. Ma serve un’offerta convincente, anche perché Lilian ha lavorato bene con noi in questi anni ed è cresciuto, è un piacere sapere che è seguito da club importanti. Potrebbe esserci subito un nuovo progetto per lui, la porta per la sua partenza è aperta. Ci sono possibilità che parta e possibilità che resti con noi, non ne faccio troppo un problema. Se non ci saranno offerte giuste siamo pronti a tenerlo fino alla fine del suo contratto”.

MILAN, IL 9 DEL FUTURO SI CHIAMA SESKO: IL RETROSCENA CON MALDINI

SCORRI IN BASSO PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

NOTIZIE MILAN