Di Stefano: “Milan, cercasi difensore! Il punto sull’incontro Cardinale-Pioli”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

In collegamento da Milanello per Sky Sport, Peppe Di Stefano ha fatto il punto sull’incontro odierno tra Stefano Pioli e Gerry Cardinale

Non è certamente il migliore dei momenti per Stefano Pioli da quando siede sulla panchina del Milan, e la sconfitta di ieri sera col Borussia Dortmund non aiuta di certo a calmare le acque. In collegamento da Milanello per Sky Sport, Peppe Di Stefano ha fatto il punto sull’incontro odierno tra Pioli e Gerry Cardinale.

COL FROSINONE GIA’ DECISIVA: ULTIMATUM DI CARDINALE A PIOLI?

Il punto sull’incontro tra Cardinale e Pioli

“L’incontro è durato più o meno 100 minuti. Cardinale questa mattina è partito dal pieno centro di Milano per arrivare a Milanello insieme ad uno degli autisti del Milan, ad un uomo di sicurezza personale oltre al capo del suo staff. Lì c’era anche Giorgio Furlani, con cui ha aspettato la fine dell’allenamento per pranzare poi con Stefano Pioli. Non con lo staff e neanche con i giocatori. Da quello che ci risulta l’incontro era già programmato anzitempo, e chiaramente è stato confermato dopo la sconfitta di ieri. Pioli resta sulla panchina del Milan. Detto questo, non è nè da titolo nè da ultim’ora, vi spiego perchè…si deve navigare a vista: l’assenza di personalità, di qualità, i tanti infortuni portano il Milan ad uno dei momenti più complicati sicuramente della stagione e forse dell’era Pioli. In passato non arrivavano i risultati ma c’erano gli uomini, disponibili, per giocare certe partite.

DI STEFANO: “PIOLI A MILANELLO, IL RACCONTO DELLE ULTIME ORE DEL MILAN”

Difesa decimata

Il Milan col Frosinone farà fatica a trovare un centrale di difesa da far giocare insieme a Tomori, quindi siamo veramente nell’ambito dell’incredibile. Sono fuori circa 9 giocatori e siamo arrivati a 20 infortuni, di cui 17 di natura muscolare in appena 3/4 mesi di stagione. L’incontro di oggi è stato positivo ma non è stato un incontro di sorrisi e baci. E’ stata fatta un’analisi per capire quello che non è andato, per capire cosa può essere variato. D’ora in poi si navigherà a vista, vedremo quello che accadrà nella prossima partita contro il Frosinone. Si gioca in casa ma non sarà una partita per nulla semplice perchè è una squadra che gioca ormai con una serenità totale e molto bene al calcio. E’ una sfida pericolosa che potrà dire tanto sul futuro di questo Milan, che dovrà trovare un uomo in difesa e anche la quadra in attacco dato che ci sarà nuovamente spazio per Jovic, ieri per assurdo una delle note positive”.

PEDULLÀ: “PIOLI AL CAPOLINEA. PROPRIO LUI NON CI SPIEGA IL PERCHÉ”

SCORRI PER ALTRE
NEWS MILAN E NOTIZIE MILAN

Ultime news

Notizie correlate