Milan, senti De Zerbi: “Non posso cambiare faccia” Indizi sul futuro

I più letti

Piero Mantegazza
Nato in provincia di Como nel 2000, laureato in Economia dei beni culturali e dello spettacolo. Ho mosso i primi passi nel giornalismo a “La Provincia di Como” per poi passare a Radio Rossonera. Raccontare lo sport è la mia passione: calcio e tennis non devono mai mancare. Fin da bambino il focus è il Milan, che è come una seconda famiglia. Innamorato delle bandiere e delle loro ineguagliabili storie, ormai sempre più in via d’estinzione

De Zerbi lancia degli indizi sul suo futuro, questione di stimoli e di felicità: il Milan resta alla finestra

Uno degli allenatori che è stato accostato alla panchina del Milan è Roberto De Zerbi: il tecnico del Brighton ha spiegato cosa cerca in una squadra e in generale nel suo lavoro. Il ciclo di Stefano Pioli è ai titoli di coda e la dirigenza ha fatto partire il casting per il prossimo allenatore: De Zerbi è un’idea valida per il Milan.

Il futuro di De Zerbi

Il Brighton ha organizzato un forum in cui i tifosi potevano fare delle domande a De Zerbi. Una di queste è legata alle speculazioni sul suo futuro e alla possibilità di guidare il Milan:

“Vuoi la verità? Non sto lavorando per la carriera, ma per svegliarmi felice la mattina. E se sarò felice in futuro a Brighton, non ci sarà una squadra che potrà portarmi via se io non voglio. Ma se io non sono felice la mattina, se non sento la motivazione di lavorare come la scorsa stagione e anche questa in corso, questo può cambiare. Perché non sarei in grado di dare il meglio di me. Se ci riesco posso spingere i giocatori a fare lo stesso, altrimenti è difficile. Non posso cambiare faccia, se non sento qualcosa di forte, che va oltre il lavoro, diventa dura”.

Ultime news

Notizie correlate