Calhanoglu

Milan, Calhanoglu negativo al Covid. Ecco chi ci sarà a Bologna

0 cuori rossoneri

MILAN – Impensabile non sottolineare che le due sconfitte in cui si è imbattuto il Milan negli ultimi sette giorni siano ben diverse tra di loro.

Nella stracittadina persa contro i cugini nerazzurri, infatti, Mister Pioli può per lo meno essere soddisfatto di aver ritrovato quello spirito guerrigliero, una costante di questa stagione, che era venuto meno contro l’Atalanta.

Ed è con questo spirito che sabato pomeriggio i rossoneri dovranno ripartire facendo visita al Bologna dell’ex Sinisa Mihajlovic forti anche dei due punti di vantaggio sull’Inter che gli permettono di iniziare il girone di ritorno in pole position.

La statistica dei precedenti non sorride di certo all’allenatore serbo che nella sua carriera da Mister non ha mai battuto il Milan (5 pareggi e 10 sconfitte). Anzi, spesso e volentieri si è ritrovato a dover commentare nei post partita le grandi prestazioni contro le sue squadre di quel Gigio Donnarumma che deve proprio a lui l’esordio in Serie A a soli 16 anni contro il Sassuolo.

A proposito di Gigio, il match di sabato vedrà il suo ritorno tra i pali dopo la squalifica scontata in Coppa Italia.

Per quanto riguarda la difesa, invece, il nodo da sciogliere per Mister Pioli riguarda il centrale da affiancare a Romagnoli (i terzini, Calabria e Theo, non si discutono).

Tomori ha, infatti, ben impressionato nel derby per la marcatura molto stretta effettuata su un giocatore rapido come Sanchez e, probabilmente, avrà la meglio nel ballottaggio su Kalulu, ancora acciaccato e reduce dall’errore in marcatura su Romero costato caro nel match contro i bergamaschi.

E’ grazie al rientro di Bennancer a centrocampo che Pioli però può finalmente tornare a sorridere. L’algerino rientra dopo una lunga assenza e, anche se partirà dalla panchina, poi tornerà a far coppia con Kessie, sollevando quest’ultimo dai gravosi compiti di impostazione del gioco.

La speranza è che possa iniziare un’alternanza con Tonali che permetta al giovane bresciano di crescere senza pressioni eccessive.

Ma la notizia che in pochi si aspettavano e che invece è arrivata è la negatività al Covid di Hakan Calhanoglu. Il trequartista turco ha postato sul suo profilo Instagram una foto con la maglia del Milan “Covid19 X I. Am. Back”.

Tra oggi e domani capiremo se il numero 10 rossonero potrà essere convocato e schierato a Bologna. 

In caso di assenza di Hakan, nelle ultime ore stava circolando il nome di Daniel Maldini come probabile titolare dietro all’unica punta Zlatan Ibrahimovic (6 gol per lui contro il Bologna). Sugli esterni, spazio a Leao e Castillejo con Mandzukic pronto a ritagliarsi certamente uno spezzone di partita.

La gara di sabato pomeriggio apre un ciclo di tre partite (Bologna, Crotone e Spezia) fondamentali per il cammino dei rossoneri.

Senza ovviamente sottovalutare una squadra come il Bologna, che ha sì vinto una sola partita nelle ultime dieci giocate, ma che in casa ha raccolto ben quattro successi e due pareggi per una media punti casalinga di 1,56. 

Si prospetta, quindi, una trasferta complicata dove sarà importante non far prendere fiducia agli avversari, che si presenteranno con un 4-2-3-1 speculare.

Mattia Severgnini

photocredits acmilan.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Radio Rossonera Live

live