Milan, Costacurta: “Pioli, buon lavoro: battuta un’Inter più forte”

I più letti

Andrea Rabbi
Nato sul Lago di Garda alla fine del 1998, laureato in Editoria e Giornalismo. Ho da sempre coltivato il sogno che il calcio entrasse a far parte stabilmente della mia vita professionale, e poter iniziare questo percorso scrivendo della mia squadra del cuore è sicuramente motivo di grande orgoglio. Cresciuto accompagnato dalle gesta del grande Kakà, vago da tempo alla ricerca di un degno erede in maglia rossonera

Nel corso della sua intervista per Tuttosport, Billy Costacurta ha analizzato cosa è mancato a Stefano Pioli nel corso di questa stagione al Milan

Alla luce degli obiettivi mancati, è praticamente scontato l’addio di Stefano Pioli dopo 4 anni e mezzo sulla panchina del Milan. Sulle colonne di Tuttosport, Billy Costacurta ha parlato anche del suo percorso alla guida del Diavolo e delle mancanze riscontrate nell’ultimo periodo.

Costacurta su Pioli

Il commento della leggenda rossonera arriva al termine di giorni complicati per l’ambiente, con la doppia sconfitta contro la Roma in campo europeo e il 2-1 subito nel derby scudetto. Questi risultati hanno, con tutta probabilità, azzerato le possibilità di permanenza di Pioli sulla panchina, ma Costacurta traccia un bilancio più generale sul suo operato: “Non so che strascichi possano lasciare questa eliminazione e il fatto che perda così tanti derby, fatti su cui la società dovrà riflettere. Però credo che negli ultimi quattro anni in Italia ci sia stata una squadra più forte delle altre, l’Inter, e non ha vinto sempre, battuta una volta da un Napoli straordinario e una da un Milan che ha overperformato.

Nella gestione Pioli secondo me mancano le ultime due settimane, ma per il resto lui ha fatto un buon lavoro, con una squadra che cercava di fare un gol più degli altri perchè aveva visto che in fase difensiva non riusciva a reggere e allora ha scelto una strada diversa“.

 

Ultime news

Notizie correlate