Milan, Conte e “la stanza del potere”: Longari spiega la situazione